in

Dormire bene aiuta lo sviluppo delle capacità cognitive dei più piccoli

Studi clinici, più o meno recenti, hanno dimostrato come dormire bene sia una delle regole fondamentali da seguire per vivere meglio e più a lungo. Non sapevamo, però, che la regola vigesse anche per i più piccoli: uno studio dell’University College di Londra, guidato da Yvonne Kelly,   ha da poco dimostrato come un sonno regolare sia di primaria importanza per lo sviluppo cognitivo dei bambini.

I ricercatori hanno analizzato dati relativi a più di 11mila bambini coinvolti nel Millennium Cohort Study, uno studio nazionale sui nati nel Regno Unito, studiando in particolare il riposo dei piccoli all’età di nove mesi e di tre, cinque e sette anni. Le irregolarità del sonno sono più frequenti a tre anni, i dati attestano che un bambino su cinque non va mai a letto sempre alla stessa ora. Nello sviluppo del bambino questa cattiva abitudine ha effetti negativi sulle capacità cognitive raggiunte ai sette anni, soprattutto nel caso delle femminucce.

sonno

“Il sonno è il prezzo che paghiamo per la plasticità nel giorno precedente e l’investimento necessario per consentire di apprendere nuove cose il giorno successivo – spiegano i ricercatori – lo sviluppo precoce del bambino ha un’influenza profonda sulla salute e il benessere nel corso della vita. Perciò un sonno ridotto o interrotto, soprattutto in momenti cruciali dello sviluppo, potrebbe avere un impatto significativo sulla salute nel corso della vita” spiega Kelly.

Dunque, non esitiamo a creare un ambiente favorevole al riposo dei nostri bambini, educandoli ad un regolare rispetto dell’orario della nanna, vegliando sulla sua tranquillità e serenità.

Turista inglese rischia la vita in Perù: 8 larve carnivore nel suo orecchio

Applicazioni gratis Iphone: ecco quelle in sconto e gratuite di oggi (20/7/2013)