in

Dottore opera l’orsetto di peluche di un paziente di 8 anni: «Come avrei potuto dire di no!»

Little Baby, questo il nome dell’orsacchiotto che Daniel McNeely, neurochirurgo pediatrico di Halifa, in Canada, ha dovuto operare per accontentare la richiesta di un suo paziente. Un paziente speciale di soli otto anni che si chiama Jackson Mckie. Il piccolo si trovava all’IWk Health Center di Halifax, per un’operazione legata alla patologia di cui soffre da quando è nato: l’idrocefalo. 

«Come avrei potuto dire no?», ha postato il dottore su Twitter. Il suo bel messaggio, unito alla scatto pubblicato, ha raccolto subito consensi ed è finito sui notiziari della sera canadesi e nei giornali online più famosi di tutto il mondo. Oltre 30mila reazioni soltanto sul social del cinguettio, tra like e ricondivisioni. Per accontentare il suo giovanissimo paziente Daniel McNeely ha subito predisposto un piccolo tavolo operatorio, ha indossato la mascherina e infine iniziato il delicato intervento, che a detta del medico è perfettamente riuscito. Avrebbe potuto tirarsi indietro? Un po’ come quando una bambina ti ordina di bere da una tazzina vuota, ma piena di fantasia, o quando un bambino ti colpisce con una spada finta: non importa quanta dignità tu abbia quel caffè sarà il più buono del mondo e dopo la stoccata morirai tra atroci sofferenze. Entusiasta il piccolo per l’intervento del suo teddy bear,  si è poi lasciato tranquillamente operare. «Era così felice – ha detto il padre di Jackson, Rick Mckie, alla Cbc – Per lui quell’orsacchiotto, che chiama Little Baby, è il suo migliore amico! Ci fu regalato quando ritirammo l’ecografia che avrebbe svelato il sesso del nostro bambino». 

I genitori poi lo hanno regalato al piccolo. Sono inseparabili e l’orsetto diventa il suo punto di forza nei momenti di difficoltà. Un amico vero e proprio, anche se di pezza, anche se è un peluche. Condivideranno insieme anche l’esperienza della post operazione e l’intera convalescenza. 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Omicidio Noemi Durini: intercettazione da brividi in carcere tra Lucio e suo padre

“Uomini e donne” Sara Affi Fella nella bufera, Maria De Filippi spiazza il pubblico