in ,

Dove mangiare a Capo Vaticano e dintorni, ristoranti imperdibili: 5 indirizzi utili

Ogni estate, migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo invadono Capo Vaticano, piccola località costiera in provincia di Vibo Valentia, appartenente al Comune di Ricadi. La principale attrazione di Capo Vaticano è senza dubbio il mare: le acque cristalline, le spiagge bianche e i tramonti incantevoli rubano il cuore ai visitatori, come nei secoli scorsi lo rubavano ai conquistatori spagnoli, francesi, arabi e prima ancora greci, che si sono avvicendati su questo straordinario tratto di costa. Dopo aver ammirato lo Stretto di Messina dal “Faro di Capo Vaticano”, aver fatto un’escursione lungo la costa per ammirare le grotte e le calette nascoste, chi non vorrebbe sedersi a tavola per apprezzare la ghiotta cucina locale.

DOVE MANGIARE A CAPO VATICANO.

Per chi pensa che la cipolla e la n’duja siano le principali risorse gastronomiche della zona, si sbaglia. Soprattutto il mare contribuisce a rendere particolarmente ricca e gustosa la cucina della zona. Nel nostro tour sui ristoranti di Capo Vaticano (e dintorni) cominciamo dal Ristorante Peppino il Pescatore 2. Situato all’altezza di San Nicolò, è uno dei più rinomati ristoranti della zona, grazie alla sapienza culinaria di Teresa che ha saputo conciliare segreti della cucina tradizionale calabrese con nuovi odori e sapori rendendo la sua cucina unica nella zona, da assaggiare assolutamente le famosissime “Alici Ripiene”. Spostandoci di qualche chilometro, precisamente a Coccorino, nel comune di Joppolo dove troveremo il Ristorante Da Mercurio. Ristorante a conduzione familiare, anche qui, il pesce (rigorosamente fresco) è il piatto forte. Sulla meravigliosa terrazza potrete assaggiare piatti eccezionali (consigliamo l’inimitabile “Polipo ai Peperoni” di Mercurio) godendo del panorama sulle Isole Eolie e la Sicilia.

TROPEA E CAPO VATICANO: LEGGI IL NOSTRO REPORTAGE DI VIAGGIO

Ritornando a Capo Vaticano, ci dirigiamo verso la “Spiaggia del Tono”. Qui troveremo la “Masseria del Tono”, piccolo ristorante tradizionale, dove piatti semplici, ma efficaci vi conquisteranno certamente. Consigliamo una visita al giovedì, quando la signora Giovanna delizierà i vostri palati con i tradizionali gnocchi di patate fatti a mano. Dopo pranzo, sosta in spiaggia, fino alla sera dove è obbligatorio un aperitivo (con una deliziosa birra locale artigianale, la Cunegonda) ammirando uno dei più bei tramonti della zona. Se volete rimanere in zona, per la sera, vi consigliamo l’Agriturismo Donna Orsola, a Brivadi, nei pressi del centro storico. I locali del ristorante sono stati ricavati da un granaio, mantenendo a pieno l’atmosfera della vita rurale. Qui potrete apprezzare a pieno i numerosi flussi di tradizione che si sono riversate in questa piccola zona di Calabria. Aromi esaltati dalla forte presenza di peperoncino e aromi tradizionali, come il basilico, l’origano, il finocchio selvatico e il sambuco. Per finire l’ultimo ristorante che vi proponiamo è il Ducale, sito nelle colline nei pressi di Capo Vaticano, precisamente a Monte Poro. Se volete apprezzare dell’ottima selvaggina (dal cinghiale, al cervo) questo è il posto giusto: la gentilezza del proprietario Ciccio e l’aria fresca di collina faranno il resto. Da provare assolutamente le tradizionali “fileja” con carne di capra.

Buone Vacanze a Capo Vaticano!

Germania Francia highlights

Euro 2016, da 0 a 10 il pagellone del campionato Europeo: dagli hooligans a Cristiano Ronaldo

riforma pensioni 2016 Esodati ottava salvaguardia

Pensioni 2016 news oggi: anticipo pensionistico per gli esodati, ottava salvaguardia a rischio?