in ,

Dove siamo arrivati: ora anche la protesta all’arbitro si fa su facebook

Triplice fischio, finisce la partita tra PSB Pistoia e Porcari valida per il campionato Allievi 1997. Tutti negli spogliatoi e poi a casa. Uno dei giovani calciatori però non è soddisfatto dell’arbitraggio e decide di spiegare lo strascico polemico a modo suo. Siamo nel 2014 e il direttore di gara non va affrontato viso a viso, ma con gli strumenti che la tecnologia digitale mette a disposizione.

facebook

Il giocatore della PSB Pistoia arriva a casa e accende il computer, si collega a internet e trova nome e cognome dell’arbitro, reo di aver rovinato la prestazione della sua squadra. Apre facebook e si mette a scrivergli tutto quanto avrebbe dovuto risparmiarsi, o – nel migliore di casi peggiori – dirgli durante la partita.

E il direttore di gara fa quello che deve fare: porta il fascicolo con l’accaduto in Procura Federale. Non all’ammistratore della pagina! Le parti in causa si sono accordate per una squalifica di 4 giornate del calciatore e una ammenda alla società. Dove siamo finiti!?

Dalla carta alla tecnologia

Uno sguardo alla scuola del futuro, un saluto alla carta

Rocco Hunt

Quelli che il calcio, anticipazioni: ospiti Danilo D’Ambrosio e il cantante Rocco Hunt