in ,

Dubai, inquilini morosi lasciati a terra e al caldo dal proprietario del grattacielo

A Dubai anche i ricchi…non pagano. Il proprietario del grattacielo più alto del mondo, il Burj Khalifa, potrebbe staccare l’erogazione della corrente all’edificio perché gli inquilini, tutti uomini d’affari che non hanno certo problemi economici, pare che facciano fatica a pagare le bollette.

Burj_Khalifa interno

Il proprietario del Burj Khalifa ha dovuto far fronte ad un problema condominiale come quelli di molta gente ‘comune’, con la differenza che qui gli inquilini sono tutt’altro che poveri. I residenti sono business men che certo non hanno avuto problemi ad acquistare appartamenti dai prezzi stratosferici, basti pensare che il solo affitto di un monolocale è pari a 55 mila dollari l’anno. Eppure gli inquilini non hanno pagato le bollette dell’elettricità e il proprietario è ricorso ad una soluzione drastica. Ha inviato a tutti i condomini le lettere di messa in mora e, in caso di mancato pagamento, provvederà a staccare gli ascensori e l’aria condizionata. Un vero danno per i residenti, che non potranno più accedere agli appartamenti e, cosa peggiore, dovranno sopportare le alte temperature della zona.

Il Burj Khalifa, già conosciuto come Burj Dubai, è il grattacielo più alto mai costruito al mondo e una vera costruzione da record: alto 828 metri conta ben 163 piani e 900 lussuosi appartamenti serviti da 57 ascensori, i più veloci al mondo. Inoltre è la prima struttura al mondo ad avere appartamenti abitabili e per altezza ha superato l’Antenna radio di Varsavia, che aveva un’altezza di 646,38 metri.

monvimento 5 stelle proposta

Sanremo 2014: l’arrivo di Beppe Grillo

Cina, uomo tenta il suicidio allo zoo