in

Due nuove mostre alla Collezione Maramotti di Reggio Emilia

Trasformare il reale per ricomporlo in qualcosa d’altro, in un’ottica di ricerca e sperimentazione continue: sembra essere questo il motto che, pur nella loro diversità, anima i due artisti contemporanei Beatrice Pediconi e Michael van Ofen ora in mostra alla Collezione Maramotti di Reggio Emilia.

Michael Van Ofen

 “9’/Unlimited” è il titolo dell’esposizione dell’italiana Pediconi. La fotografa, che nel suo percorso artistico è partita dall’osservazione scientifica del comportamento dei materiali per approdare ad una riproduzione che sposta la percezione su un piano tutt’altro che reale, anche in questa occasione usa la polaroid per far vivere allo spettatore una performance dal sapore alchemico. Il tema dell’acqua e la sua mutevolezza vengono immortalati in scatti di grande formato che immergono lo spettatore in un mondo “altro”.

In “Germania und Italia”, l’artista tedesco Van Ofen, invece, indaga i legami e delle analogie che hanno accomunato Germania e Italia durante la seconda metà dell’Ottocento. In un percorso di ricerca estrema, l’artista rivisita i quadri di questo periodo storico trasfigurando le immagini in forme essenziali, fino a spingerle al limite della loro leggibilità.

Le mostre, ad ingresso libero, sono visitabili fino al 31 gennaio 2014 negli orari di apertura della collezione permanente: giovedì e venerdì 14.30 – 18.30, sabato e domenica 10.30 – 18.30.

Per maggiori informazioni visita il sito: www.collezionemaramotti.org 

Seguici sul nostro canale Telegram

naufragio migranti libia 3 novembre

Al via la missione “mare sicuro”: vertice dei ministri oggi pomeriggio a Palazzo Chigi

Alzheimer e morbo di Parkinson: nuovi farmaci che impediscono la morte delle cellule