in

Salvini Renzi a “Porta a Porta”, duello senza esclusione di colpi: ma oltre lo share, chi ha vinto?

Salvini Renzi a “Porta a Porta”. Matteo contro Matteo. Kramer VS Kramer. Dopo Italia-Liechtenstein, un altro match è stato trasmesso su Raiuno. Novanta minuti di duello senza esclusione di colpi quello tra Matteo Salvini e Matteo Renzi. Un botta e risposta esilarante, che ha messo uno di fronte il leader della Lega e l’ex Premier, papà di Italia Viva. Com’è finita? Beh, da un lato c’era il solito Salvini, sicuro di sé, abile a parlarle per slogan, dall’altro Renzi, più preparato, come se quella partita a Porta a Porta l’avesse vista come una “festa” promessa da tanto tempo e data per premio. «Almeno esteticamente siamo migliorati. Certo, fare peggio era difficile», ha esordito scherzando l’ex sindaco di Firenze, dopo aver visto le immagini dell’ultimo confronto Tv fra i due, avvenuto ormai dieci anni fa, quando Renzi era candidato sindaco di Firenze e Salvini deputato e candidato al Parlamento Europeo.

Salvini Renzi a “Porta a Porta”, match senza esclusione di colpi: ma oltre lo share, chi ha vinto?

Le battute però, che non sono state poche per la verità, hanno lasciato subito lo spazio ad affondi e stoccate. Attacchi da entrambe le parti, anche se certi colpi il Capitano non è riuscito a pararli forse come avrebbe voluto. E un certo nervosismo lo si è percepito: occhi al cielo, sorrisi forzati e soffi continui. Peccato però che quegli sbuffi non hanno fatto altro che portare Renzi più in alto. «Il governo Conte-Salvini ha messo due miliardi sulle forze dell’ordine. I governi Renzi-Gentiloni ne hanno messi sei», ha detto il leader di Italia Viva a Porta a Porta e a Matteo Salvini che ha parlato di tassa sulle merendine e badanti: «Mi dice dove sta scritto? Perchè così lei non fa che aumentare le paure dei cittadini. Allora, parliamo di numeri e fatti: Salvini racconta cose che sono palesemente false!».

leggi anche l’articolo —> Matteo Renzi: età, peso, altezza carriera e vita privata dell’ex Presidente del Consiglio

Salvini Renzi a “Porta a Porta”: «Sono ventisette anni che fa politica!»

In comune hanno solo i nomi, questo si è capito guardando lo speciale di Bruno Vespa«Quello che mi divide profondamente da Salvini è il tema dell’immigrazione. Ma di cosa parliamo? Se il trend di settembre dovesse continuare, a fine anno avremmo trentamila persone: ma quale problema è in un Paese di 60 milioni di abitanti? Il problema non sono 30 mila persone che arrivano in un anno ma quelle 25 persone che delinquono e che vanno stangate», ha detto Renzi, che poi ha aggiunto: «Salvini promette tutto a tutti ma non ha mai portato a casa niente e sono 27 anni che fa politica. Salvini è un mentitore, abbindola le persone raccontando balle!».

«Epoca Renzi 500mila sbarchi, epoca Salvini 28mila!»

Sulla crisi in estate l’ex premier ha detto: «Avevamo due alternative: accettare il diktat del Papeete o fare una operazione di palazzo, sì. Una operazione machiavellica. Ma se fossimo andati a votare adesso, ci sarebbe lo spread ai massimi livelli e il paese avrebbe pagato il conto!». La battuta sul Papeete Beach non poteva poi mancare: «Stare in spiaggia col figlio è legittimo, ma se sei un ministro non stai in piazza, stai nelle istituzioni. Conosci tutte le sagre del Paese, stai sempre a mangiare, hai uno stomaco d’amianto. Allora fai il presidente della pro loco…», ha detto Renzi. Ma anche Salvini di assi nella manica ne ha avuti: «Ha governato sette anni su otto. Negli ultimi otto anni ha governato il Pd.. Pd e poi Italia Viva. Renzi crea partiti, disfa partiti. È un rottamatore mica per altro!». Poi ancora: «Io adoro l’Italia delle proloco, dei comuni, delle sagre: ma se io ho il 33 e lui il 3% vuol dire che qualcosa ho fatto e gli italiani non sono scemi. Epoca Renzi 500mila sbarchi, epoca Salvini 28mila. Io ho cravatta delle Fiamme Oro perchè domani vado a funerali dei due agenti».

Salvini Renzi a “Porta a Porta”: «Faccio politica per passione, se volessi arricchirmi farei conferenze in giro per il mondo per decine di milioni!»

Scintille vere quando si è parlato di Quota 100, ma soprattutto sul Russia gate. Sulla questione poi dei 49 milioni tirata in ballo da Renzi, Salvini ha replicato: «Io rispondo di quello che fa la Lega dal dicembre 2013 a oggi con bilanci certificati. Faccio politica per passione, se volessi arricchirmi farei conferenze in giro per il mondo per decine di milioni!», ha attaccato il leader della Lega con allusione alle attività di Renzi da conferenziere. Ma il rivale per le rime ha detto: «Per forza non la invitano, sennò c’andrebbe!». Ma insomma chi ha vinto? Lasciamo ai lettori l’ardua sentenza.

leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini da bambino: dall’album dei ricordi del leader della Lega

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

santa-margherita maria alacoque

Il Santo del giorno 16 ottobre: Santa Margherita Maria Alacoque

Serena Enardu, Giovanni Conversano vuota il sacco: «Si professa una santa, ma chi la conosce…»