in ,

È già in farmacia il vaccino antinfluenzale 2013-2014

Dopo le para-influenze, apparse già i primi di settembre con il supporto del tempo più instabile, a breve toccherà alle influenze vere e proprie affacciarsi sul territorio nazionale. E il Ministero della Salute non si fa trovare impreparato.

influenza

In questi giorni, infatti, come da protocollo Influnet, realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità (con il bene placet dello stesso Ministero) sono partite le prime iniziative per il monitoraggio della stagione influenzale e la prevenzione tramite i vaccini già disponibili in molte farmacie italiane. Una vera e propria campagna per debellare il fastidioso (e pericoloso – ricordiamolo!) virus della stagione invernale.

Per poter essere idoneo, il nuovo vaccino 2013-2014 deve includere:

  • il ceppo A/California/2009 (H1N1)
  • il ceppo A/Victoria/2011 (H3N2)
  • il ceppo B/Massacchussets/2012.

L’unica variante, dunque, rispetto allo scorso inverno sarà proprio la presenza dell’ultimo ceppo che andrà a sostituire quello B/Massacchussets/2012, contenuto nel vaccino del 2013-2013. A specificarlo è la circolare emanata dallo stesso Ministero della Salute, seguendo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms).

farmacista

Ad assicurare la presenza dei vaccini (prodotti da ben quattro aziende farmaceutiche) è la stessa presidente di Federfarma, Annarosa Racca: “I vaccini ci sono. Da ieri hanno iniziato ad arrivare. Abbiamo anche diramato la circolare a tutte le farmacie”, che ribadisce anche la loro utilità “È una buona protezione soprattutto per gli anziani. Difatti, l’anno scorso che ci si è vaccinati meno, anche per via dei ritiri dal mercato di alcuni lotti, ci sono stati più casi di influenza”. La campagna di vaccinazione, quindi, appena partita durerà fino a dicembre. I vaccini sono prescrivibili dietro ricetta del proprio medico di famiglia o pediatra.

Rispetto allo scorso anno, il protocollo Influnet non ha subito sostanziali modifiche. Per i prossimi sei mesi, a partire dal 14 ottobre di questa settimana, scenderà in campo un team di “medici sentinella” (scelti tra dottori di medicina generale e pediatri) che monitoreranno e raccoglieranno dati sull’influenza. Sarà, invece, aumentata la copertura di vaccinazione fino al 2% della popolazione residente in ogni regione italiana. Nel frattempo, il virus influenzale non è stato ancora individuato in Italia. Dobbiamo accontentarci, per il momento, delle para-influenze in attesa che il grande freddo faccia la sua comparsa in modo prolungato sul nostro Paese, condizione necessaria per il proliferare della “vera” influenza.

Seguici sul nostro canale Telegram

tensioni ad Albano Laziale

Priebke, no di Berlino: un funerale che non s’ha da fare

UeD Trono Over

Anticipazioni Uomini e Donne: Trono Over e “I sogni son desideri” al maschile