in

È morta Aretha Franklin, la “regina del soul” aveva 76 anni

È morta Aretha Franklin, la “regina del soul”, una delle voci più belle del Novecento. Per molti la più grande cantante di sempre. Si è spenta a 76 anni a casa sua a Detroit, dopo i gravi problemi di salute avuti negli ultimi mesi. Sulla sua malattia massimo riserbo: fino a ieri i familiari che si aspettavano il peggio avevano chiesto al pubblico, che tanto l’aveva amata, «privacy e preghiere».

Cantautrice e pianista statunitense Aretha Franklin è stata l’emblema della musica gospel. Una carriera meravigliosa la sua. Tra gli anni Sessanta e Settanta ha inciso alcune delle più famose canzoni soul di sempre, come Respect, Think e You Make Me Feel (Like A Natural Woman)Vincitrice di 18 Grammy Awards, è stata la prima donna ad entrare nella Rock and Roll Hall of Fame. Era il 1987.  La rivista Rolling Stones in una speciale classifica sui “100 Greatest Singers” del 2010 l’ha piazzata al primo posto assoluto. Una vita all’insegna dei record e dei successi. Indimenticabile l’apparizione nel film The Blues Brothers, nei panni di una proprietaria di fast food alquanto burbera. La musica è sempre stata la sua ragione di vita. Impegnata nel sociale, Aretha Franklin ha cantato per l’insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca nel 2009. Contenta di quel presidente di colore come lei, simbolo di libertà, democrazia e uguaglianza. Si rifiutò di fare altrettanto per il presidente Donald Trump, suscitando non poche polemiche.

Nel 2010 si diffonde la notizia che ha un tumore, ma Aretha Franklin si rifiuta di parlarne in pubblico. In un’intervista smentisce con forza di avere un cancro al pancreas. La sua ultima esibizione è stata lo scorso novembre a New York al gala della fondazione di Elton John per la lotta all’Aids. Il suo ultimo concerto lo scorso giugno 2017. In seguito aveva annunciato la decisione di smettere di esibirsi dal vivo. Nel 2018 per volontà dei medici che l’avevano in cura Aretha Franklin aveva dovuto cancellare alcuni concerti, persino quello per festeggiare il suo settantaseiesimo compleanno.

Una voce che era uno strumento. Potente, carnosa, profonda. Un timbro straordinario che la rende famosa e riconoscibile in tutto il mondo. Aretha Franklin ci lascia oggi, ma il suo nome è leggenda.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Elena Santarelli: «Di fronte a lui non ho mai pianto!», così la showgirl racconta la malattia del figlio

Honduras, madre sotto shock: bambina dichiarata morta si sveglia al funerale