in

Morta Rita Borsellino: la sorella del magistrato si è spenta dopo una lunga malattia

È morta Rita Borsellino, sorella del magistrato Paolo, assassinato da Cosa Nostra assieme ai cinque agenti della scorta nel 1992 a Palermo. Rita Borsellino si è spenta questo pomeriggio all’età di 73 anni, all’ospedale Civico di Palermo, dove molto probabilmente verrà allestita la camera ardente. Malata da tempo, Rita Borsellino è divenuta negli anni il simbolo della lotta contro la criminalità organizzata. Impegnata e appassionata, la sorella del giudice è stata anche europarlamentare del Partito Democratico dal 2009 al 2014.

La sua ultima apparizione pubblica lo scorso 18 luglio alla vigilia dell’anniversario della scomparsa del fratello Paolo. Visibilmente affaticata e ormai in sedia rotelle, Rita Borsellino aveva voluto esserci, partecipare, vedere con i propri occhi i tanti giovani accorsi a Palermo da ogni parte di Italia. Quel giorno Rita Borsellino si era mostrata ancora forte, tenace. Il suo un dolore sempre composto. Lo scorso febbraio era venuto a mancare suo marito, Renato Fiore.

Laureata nel 1967 in Farmacia, dopo la strage di Via D’Ameglio del ’92, si era impegnata per tenere viva la memoria di Paolo Borsellino, l’amato fratello, che aveva perso la vita per sconfiggere la criminalità organizzata. Nel 1995 Rita Borsellino è diventata  vicepresidente di Libera, associazione anti-mafia fondata da don Luigi Ciotti, di cui è stata nominata presidente onoraria nel 2005. Incarico di prestigio, che ha ricoperto fino a quando, nell’inverno dello stesso anno, si è candidata alla presidenza della Regione Siciliana. Grazie a lei e a Libera viene approvata la legge n. 109/96 sull’uso sociale dei beni immobili confiscati alle mafie. È soltanto una delle sue tante battaglie. Rita Borsellino ha lottato affinché democrazia, responsabilità e onesta non fossero parole vuote. «Mio fratello Paolo» – aveva dichiarato Rita Borsellino – «non era un eroe, ma un uomo che non scendeva a compromessi» e di lei si può dire lo stesso. Un esempio di politica limpida.

Intanto vengono pubblicati messaggi di cordoglio da politici e autorità. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando si è mostrato costernato e ha parlato di «grandissimo dolore». Parole toccanti arrivano dal Presidente della Repubblica Mattarella: «Ho appreso con grande tristezza la notizia della scomparsa di Rita Borsellino, alla quale mi legavano sentimenti di vera amicizia e di condivisione. Con coraggio e determinazione, ha raccolto l’insegnamento del fratello Paolo, diventando testimone autorevole e autentica dell’antimafia e punto di riferimento per legalità e impegno per migliaia di giovani. Ai suoi familiari esprimo la mia vicinanza e la più grande solidarietà».

 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Sailpost assume: opportunità di lavoro nelle poste private in Toscana

Crollo ponte a Genova, Conte: «Via le concessioni ad Autostrade, 5 milioni per rimuovere le macerie»

Crollo ponte a Genova, Conte: «Via le concessioni ad Autostrade, 5 milioni per rimuovere le macerie»