in

E’ morto Antonio Manganelli, il Capo della Polizia

A fine febbraio era stato ricoverato a Roma per l’asportazione di un edema celebrale. 62 anni, nato ad Avellino, al vertice del Dipartimento della Pubblica Sicurezza a partire dall’anno 2007. Nella sua lunga carriera, prima da poliziotto poi da dirigente, ha avuto anche l’onore e la fortuna di lavorare accanto ai giudici Falcone e Borsellino.

Combatteva la sua battaglia personale contro il tumore da due anni, negli ultimi dieci giorni non ha mai lasciato il reparto di rianimazione dell’ospedale San Giovanni di Roma, dov’era stato ricoverato per l’improvviso aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Grande tifoso dell’Avellino calcio, ma noto simpatizzante anche del Napoli, con la sua morte lascia incredulità tra i suoi familiari, amici e colleghi.

antonio manganelli

Intanto dal mondo politico ed istituzionale italiano giungono i primi messaggi di cordoglio, indirizzati in particolar modo alla famiglia di Antonio Manganelli. Una figura la cui professionalità è stata, negli anni e non solo ora in questo momento di tragedia, sempre riconosciuta a livello universale da entrambi gli schieramenti politici e dall’opinione pubblica.

Seguici sul nostro canale Telegram

QuizCross (il dopo Ruzzle): cos’è e come si gioca

Chi era Antonio Manganelli