in

E’ pet social mania: il mondo degli animali in una App

Spopolano sul web e nei social, i cani e i gatti sono protagonisti indiscussi della Rete. Foto amatoriali e non, cliccate, condivise, ammirate e tempestate di ‘like’. Da Petigram a Matchpuppy, esistono tante app per condividere foto e notizie e fare amicizia grazie ai pet preferiti. Socializzazione, amore per gli animali e il collante della condivisione ‘mobile’, insieme, formano una miscellanea davvero esplosiva che prende sempre più piede nel mondo del web. pet social

Un canale di comunicazione che si mostra molto utile anche per prestare opere di soccorso agli amici a quattro zampe meno fortunati, spesso denutriti, maltrattati e abbandonati. Basti ricordare la commovente storia, risalente a qualche mese fa, di Wasabi, un gattino ferito e poi fasciato in una tutina fatta a mano dalla sua giovane padrona che ha avuto quasi 30mila ‘retweet’.

Tante le storie, tante le vite che si intrecciano in una App. L’ultima arrivata  è Petigram, che è anche una rete sociale. Mescola Instagram, Facebook e Twitter e che crea una piattaforma che dà ai proprietari di animali la possibilità di fare amicizia e condividere foto e notizie dei propri ‘pet’ preferiti. C’è anche ‘Mysocialpet‘, che permette di trovare un cane o un gatto da adottare; blog e offerte di adozione ci sono pure su ‘Ynetpet‘; ‘Griddixcat‘, ha invece una parte ludica che consente di scambiare la propria posizione geografica con gli altri possessori di animali. E’ possibile scaricarle gratis sul proprio smartphone, creare -cliccando su “aggiungi un pet”-  delle schede tecniche con informazioni su sesso, razza e caratteristiche del proprio cucciolo; un profilo dettagliato sul proprio animale attraverso il quale scambiare consigli e commenti con altri proprietari con gusti ed interessi in comune. E chissà che nell’intento di trovare un amore per il proprio cane o gatto, i padroni non lo trovino anche per se stessi.

Seguici sul nostro canale Telegram

Vendemmia 2013, Italia batte Francia e c’è il record di esportazioni

Pif, dopo la Leopolda ecco l’esordio alla regia