in

Ebola, epidemia in Congo: Oms dichiara «emergenza internazionale»

«Emergenza sanitaria pubblica a livello internazionale», così l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha definito l’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo. Una notizia allarmante, arrivata al termine di una riunione fortemente voluta dagli esperti dell’Oms dopo i primi casi di Ebola individuati a Goma, città a ridosso del confine con il Ruanda.

«È emergenza internazionale!», epidemia di Ebola fuori controllo in Congo

Secondo i recenti dati riportati dal Ministero della Salute Congolese nel paese ci sono stati 2.512 casi di Ebola, di cui 2.418 confermati e 94 probabili, con 1.676 morti. Il primo è stato individuato domenica scorsa a Goma e, come si legge su “Adnkronos”, l’Oms ha esortato i paesi limitrofi a coordinarsi per la prevenzione del rischio di epidemia. Al momento però sono state escluse restrizioni sugli spostamenti: «Nessun Paese deve chiudere le frontiere o porre restrizioni ai viaggi e al commercio». Intanto sul sito ufficiale di “Medici senza frontiere”, è stato pubblicata la dichiarazione della dott.ssa Joanne Liu, presidente internazionale di MSF. L’organizzazione internazionale non governativa, da oltre 6 mesi supporta le attività di preparazione per un’emergenza Ebola a Goma, e gestisce attività legate all’epidemia a Kayna e Lubéru, in Nord Kivu e due centri di isolamento per l’ebola nelle città di Bwanasura e Bunia, nella provincia di Ituri.

«I segnali sono chiari: le persone continuano a morire nelle comunità», emergenza in Congo

«I segnali sono chiari: le persone continuano a morire nelle comunità, gli operatori sanitari continuano a essere contagiati e la trasmissione del virus continua. L’epidemia non è sotto controllo e abbiamo bisogno di un cambio di marcia: ma questo non dovrebbe riguardare la restrizione agli spostamenti o l’uso della coercizione sulla popolazione colpita. Le comunità e i pazienti devono essere al centro della risposta, devono essere partecipanti attivi. – si legge nel comunicato della dott.ssa Joanne Liu – MSF ha sperimentato in prima persona quanto sia difficile rispondere a questa epidemia. Dobbiamo fare un bilancio di ciò che funziona e di ciò che non funziona. (…) È necessario un approccio su larga scala per la prevenzione, questo significa un migliore accesso alla vaccinazione per la popolazione per ridurre la trasmissione!».

leggi anche l’articolo —> Kyoto, incendio doloso in studio di animazione: morti e feriti

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Ultimo e Federica, il lato b al vento della fidanzata è hot: «Solo a guardare mi ustiono»

Valentina Vignali Instagram: il micro costume fa vedere tutto