in

Ecco Acquacell, le pile ad acqua amiche dell’ambiente (video)

Acquacell ha immesso nel mercato un tipo di pile davvero rivoluzionarie: funzionano ad acqua, sono quindi eco-sostenibili. Nel sito In a Bottle, che ha diffuso la notizia della scoperta, vi è specificato che è sufficiente immergere queste batterie per qualche minuto in acqua perché entrino in funzione. L’altra grande novità riguarda il fatto che sono composte da materiali privi di metalli pesanti e/o pericolosi, ideali, quindi, per la salvaguardia delle risorse naturali. Le pile utilizzano infatti plastica riciclata al posto dell’acciaio, e sono più facilmente riciclabili di qualsiasi altra batteria AA.Acquacell

Si tratta di batterie a basso consumo di media potenza, di quelle comunemente utilizzate per telecomandi, orologi da parete, sveglie ed altri dispositivi. Pesano appena 12 grammi (circa la metà delle comuni batterie alcaline), sono pensate per essere assolutamente eco-friendly, a partire dall’utilizzo di materiali grezzi provenienti da fonti sostenibili. L’azienda spiega il procedimento di produzione, mirato al rispetto dell’ambiente: I processi produttivi sono all’insegna della responsabilità perché ancora una volta viene data attenzione alla preziosa risorsa: queste batterie, infatti, non necessitano di acqua per essere fabbricate e, di conseguenza, viene eliminato a monte anche il problema del trattamento dei liquidi reflui e tossici di produzione”.

Ma gli obiettivi da raggiungere sono anche altri ed ancora più ambiziosi: “Il nostro obiettivo è fornire la batteria più pulita al mondo. Anche se le Acquacell sono più pulite delle batterie ordinarie, sappiamo di potere andare oltre. Stiamo continuando a cercare metodi più sostenibili per ottenere i materiali necessari, e stiamo proseguendo il lavoro nelle nostre strutture di ricerca e sviluppo, oltre a cooperare con alcune delle principali università del mondo”.

Anticipazioni Il segreto giovedì 16 gennaio: Pepa è accusata di aver ucciso Matilde

anticipazioni don matteo 9

Don Matteo 9 anticipazioni seconda puntata del 16 gennaio: un lavoro per Tomas