in ,

Ecco come cacciava il mostro di Ugnano

E’ l’uomo della porta accanto, quello che faceva i lavoretti nel palazzo. Ma con qualche scompenso psichiatrico e una sessualità deviata. Gli piaceva vederle soffrire. Eppure ha sempre agito con lucidità. Sono questi i tratti di Riccardo Viti, il mostro delle prostitute di Ugnano, che tra il 4 e il 5 maggio ha abbordato, legato, seviziato e ucciso Andreea Cristina. Con lei aveva pattuito un prezzo di 30 euro.

Anche nell’indagine che ha portato il suo arresto, i dettagli hanno fatto la differenza. Nel corso di una conferenza stampa tenuta dal pm Paolo Canessa al termine dell’interrogatorio di Viti, è emerso che è stata l’intuizione di un agente ha dare un’accelerata alle indagini. Il poliziotto ha ricordato un intervento fatto il 1 maggio del 2012 per una lite in strada tra una prostituta e un passante. Quel passante si è dimostrato essere Riccardo Viti. Da quel fascicolo ne sono emersi altri ed è stata ricostruita la serialità delle azioni. L’arrestato ha ammesso l’omicidio di Andreea e si è reso responsabile di altre 3-4 violenze su altrettante prostitute. Nel corso dei mesi il suo istinto di cacciatore non si è evoluto.

Quando decideva di giocare, usciva di casa lasciandovi il cellulare. Questo dettaglio ha mostrato agli investigatori la lucidità dell’uomo nel mettere in atto il suo piano sessuale. Viti ha sempre proposto un rapporto estremo alle ragazze e con quelle che accettavano pattuiva un prezzo intorno ai 150 euro. Il gioco sadico iniziava con il nastro adesivo, dopo il quale lui scatenava la sua devianza. Era sadico, usava oggetti e legni, gli piaceva vederle soffrire. Ma non appena queste strillavano troppo, lui scappava e le lasciava legate e seminude. Col tempo, però, è arrivata la crisi e le disponibilità economiche sono scese. Con la sua ultima vittima il prezzo era di 30 euro. Andreea è stata legata, spogliata, seviziata con un legno. Ha urlato e Viti è fuggito. Ma questa volta non è arrivato nessuno a salvare la ragazza.

 

tv talk anticipazioni

Tv Talk anticipazioni puntata 10 maggio: ospiti Ivan Zazzaroni, Mara Venier e Federico Russo

Festa della mamma, la ricetta dei “cupcake con rose” per un regalo originale