in

Ecco perchè il CEO di Groupon è stato licenziato

L’idea alla base di Groupon è semplice ed ha preso piede da tempo anche in Italia, dove l’azienda di Chicago offre ogni giorno tonnellate di sconti di ogni genere ed in qualsiasi categoria merceologica sfruttando il meccanismo del gruppo d’acquisto.

Sostanzialmente il commerciale Groupon organizza con il cliente l’acquisto di un certo numero di oggetti o servizi (come una cena per due ad un ristorante o un trattamento estetico) e crea il coupon ad un prezzo acquistato.
Il coupon è acquistato online e utilizzato dall’utente ed il cliente viene pagato ex post direttamente da Groupon.

Evidentemente l’azienda movimenta quantità impressionanti di denaro, tant’è che il fatturato di Groupon nel terzo quarto del 2012 era stato di circa 568 milioni di euro. Nonostante tutto, il CEO di Groupon è stato licenziato dopo un agitato CDA a causa del crollo del valore azionario del titolo in borsa. Mason era considerato un vero e proprio Guru ed aveva moltiplicato i ricavi di Groupon negli ultimi 4 anni.
Purtroppo però le azioni erano in discesa ed avevano raggiunto il valore minimo di 12 punti percentuali con una perdita di circa il 0,12 dollari ad azione nell’ultimo trimestre prima del suo licenziamento.
Sono stati quindi i risultati negativi ad accompagnare Andrew Mason alla porta. Risultati che gli analisti non si aspettavano affatto ma che invece hanno portato Groupon a perdere la bellezza di oltre 80 milioni di dollari alla fine del 2012.

Nonostante la crescita di Groupon sia stata impressionante, il modello di business è relativamente semplice ed il problema sembra sia la saturazione del mercato. Che Groupon sia il leader non ci sono dubbi ma quanti spazio per crescere ci sia è un punto di domanda. L’azienda ora è valutata circa 3,6 miliardi di dollari, sembra tanto ma è circa la metà di ciò che Google aveva offerto per rilevarla nel 2011, poco prima che avvenisse l’IPO. La prima mossa da fare è quella di trovare un nuovo CEO illuminato che sappia innovare e trovare nuove strade per tornare alla crescita ma di candidati per ora non se ne vedono e sembra che sarà nominato qualche manager dall’interno ad interim.

Photo Credit: The DEMO Conference via Compfight cc

Seguici sul nostro canale Telegram

Incendio Bagnoli, i commenti su Facebook dei (giornalisti) napoletani

evil-dead-2013-la-casa-4

Arriva Evil Dead! Questo 2013 il Remake de “La Casa” di Sam Raimi