in ,

Egitto: esplosione su un bus nel Sinai, 4 morti e 29 feriti

Tre turisti coreani, oggi nel primo pomeriggio, sono morti per l’esplosione su un bus, nei pressi della stazione balneare di Taba, (Mar Rosso) nel Sinai egiziano e che si trova vicino al confine con lo Stato d’Israele. Nell’autobus esploso sarebbero stati trovati anche i resti umani del kamikaze. Il gruppo di turisti stava tornando dal Monastero di Santa Caterina e rientrando in Israele. Monastero Santa Caterina

Tra i molti feriti quindici sarebbero veramente gravi. È rimasto vittima della terribile deflagrazione anche l’autista del pullman che aveva trasportato in tutto trenta turisti. Secondo fonti della sicurezza egiziana la terribile esplosione sarebbe stata causata da una bomba. Il nostro Ministero degli Esteri ha precisato che non ci sarebbero turisti italiani tra le vittime.

La polizia israeliana concorda, con quella egiziana, che si è trattato di un vile attacco terroristico. Per far fronte a questa emergenza i servizi israeliani sono pronti a collaborare per assistere tutte le vittime dell’esplosione. Questo è stato riportato dal portavoce della polizia Micky Rosenfel. È stato precisato inoltre che tra i passeggeri del mezzo non c’erano cittadini israeliani e l’ingresso in Egitto, dalla frontiera, è stato chiuso. In conclusione parla anche il Ministro degli Esteri Sudcoreano che sottolinea il decesso di due persone e il ferimento di altri nove, tra i 32 asiatici sull’autobus (31 fedeli e la guida).

 

sanremo 2014 anticipazioni

Sanremo 2014 anticipazioni: cosa succederà nelle diverse serate?

luxuria

Sochi, “Gay è ok” sulla bandiera: arrestata Vladimir Luxuria