in ,

Egitto, imminente la scarcerazione del satrapo Hosni Mubarak

È stata disposta la scarcerazione di Hosni Mubarak perché l’autorità giudiziaria ha fatto cadere le accuse a suo carico in una vicenda per corruzione. L’ex presidente egiziano, che ha governato per quasi trent’anni il Paese, era stato deposto l’11 febbraio del 2011 ma sarà comunque libero dai domiciliari, a quanto detto da uno dei suoi avvocati Fareed El-Deeb, entro 48 ore. Era stato incarcerato per lo scandalo che lo aveva visto coinvolto per delle tangenti a un media statale. mubarak

Tutto questo viene riferito da fonti giudiziarie che riportano le accuse di complicità nella morte di decine di manifestanti nella rivolta del 2011 del rais, del suo ex ministro degli Interni Habib al-Adly e di altri sei membri dell’ex regime.

L’avvocato Fareed El-Deeb ha riferito, alla Reuters, che l’unico fondamento legale per la detenzione di Mubarak è legato ad un altro caso di corruzione che sarà affrontato quanto prima. Tutta questa procedura amministrativa, secondo quanto riferisce il legale, non dovrebbe durare più di 48 ore. L’ex rais egiziano dovrebbe tornare in libertà entro la fine di questa settimana però l’85enne ex leader deve ancora affrontare un nuovo processo nel quale è stato accusato di essere coinvolto nell’uccisione di numerosi manifestanti durante le rivolte, nelle principali città egiziane, nel lontano 2011.

 

Brunetta “ambientalista” di parte contro la discarica di Falcognana

Il sole fa bene: meglio con i nuovi filtri solari ad effetto “maglietta”