in

Eiaculazione precoce: in America si cura con il botox

L’eiaculazione precoce è un problema che affligge moltissimi uomini, la percentuale si aggira intorno al 25-30%. In materia non si è mai fatta chiarezza, ed è difficile capire quando il “sesso veloce” inizi ad assere una patologia vera e propria. Uno studio al riguardo, coordinato da Chris McMahon, direttore di un centro australiano di salute sessuale, ha chiarito che il problema esiste se e quando un rapporto sessuale dura meno di 3 minuti.Eiaculazione precoce

Stando al rapporto, pubblicato sul Journal of sexual medicine, quando l’eiaculazione precoce più che un reale problema fisico diventa solo un’impressione personale dell’uomo, allora non si può certo parlare di ‘condizione clinica’. Gioca un ruolo importante la sfera psicologica, si sa, e gli uomini che si sentono colpiti da questo problema ricorrono ad ogni metodo pur di combatterlo. In America, ad esempio, si cura con il botox. Sì, la tossina botulinica a quanto pare risulta efficace non solo contro le rughe e i segni del tempo e l’aumento del suo utilizzo, anche in Italia, ne è la prova. Nell’ultimo anno, infatti, gli interventi estetici a base di botulino sono aumentati del 10%, stando ai dati della Associazione italiana di chirurgia plastica estetica.

Il Wall Street Journal ha di recente diffuso un dato secondo cui, in America, oltre il 54% delle vendite di tossina botulinica è finalizzata alla cura del problema dell’eiaculazione precoce. Il botox, tuttavia, è utilizzato anche nel trattamento terapeutico di un’infinità di altri disturbi: dalla sudorazione eccessiva alle malattie mentali, dall’emicrania cronica all’incontinenza urinaria.

Seguici sul nostro canale Telegram

Fili al posto del lifting

Medicina estetica, fili iniettati nel volto sostituiranno il lifting

Marco Bocci e Laura chiatti insieme

Laura Chiatti e Marco Bocci: nuove indiscrezioni sul matrimonio dell’anno