in ,

Elena Ceste, la sensitiva: “Si è uccisa perché era sola”

Sul caso Elena Ceste parla Rosemary, pseudonimo della sensitiva Maria Rosa Laboragine di Montegrotto, che intervistata da ReteNews24.it ha detto: ““Per Elena ho sentito subito una empatia. Ho avvertito che fosse una donna sola, esaurita, sentiva voci. Non ho mai visto il marito Michele colpevole bensì ho sempre creduto si trattasse di suicidio”.

==> Qui il dossier speciale su Elena Ceste

Dichiarazioni che si scontrano sui sospetti delle ultime settimane, che vedono il marito della Ceste sempre più sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti. Ricordiamo che la Ceste era scomparsa da Castigliole d’Asti il 24 gennaio per poi essere ritrovata, sette mesi dopo, morta in un fosso vicino casa.

E però giova ricordare che le visioni di Rosemary, che mai nella vita incontrò la Ceste o suo marito, ha spesso “azzeccato” elementi importanti di molte indagini. Fu proprio lei, ad esempio, a dire di cercare Elena nell’acqua. E in quel caso ebbe ragione.

Anticipazioni Centovetrine mercoledì 17 Dicembre: chi salverà Alba?

a Lorenzo Fragola piacciono le ragazze vere

X Factor 8, Lorenzo Fragola: “Amo le ragazze vere”