in ,

Elena Ceste, si aggrava la posizione del marito: “Allontanò i soccorsi dal luogo del ritrovamento”

La tragica vicenda della povera Elena Ceste, scomparsa a Costigliole d’Asti il 24 gennaio e trovata cadavere il 28 ottobre 2014 riserva nuovi colpi di scena. Uno dei soccorritori che era impegnato nelle ricerche ha raccontato alla Stampa “Stavamo battendo la zona con le zone cinofile, quando fummo raggiunti dal marito. Era visibilmente alterato, uralavo che degli uomini gli avevano portato via la moglie. Noi ci stavamo dirigendo proprio verso la zona dove è stato trovato il cadavere ma lui ci suggerì di cambiare direzione, verso la chiesa“.

Elena Ceste il marito allontanò i soccorritori dal luogo del ritrovamento

Il soccorritore era stato ascoltato dai carabinieri di Asti e ora potrebbe contribuire, in maniera determinante, insieme ad altri che nella giornata di ieri sono stati interrogati dagli inquirenti, sulla scoperta dei resti di Elena Ceste, in quel canalone non molto distante dalla sua abitazione e che è stato la sua tomba per nove lunghi mesi.

Altre ombre si allungano sulla posizione del marito della Ceste, Michele Buoninconti, che la mattina del 24 gennaio ha riferito che dopo avere accompagnato i figli a scuola non ha trovato la moglie in casa e dietro il cancello di entrata, nel cortile aveva trovato i vestiti della donna, come se si fosse spogliata prima di scomparire.

i

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Berlusconi Renzi accordi senato

Silvio Berlusconi sul governo Renzi: “Ha applicato una patrimoniale nascosta”

sciarra sandulli elezione giudici

Elezione giudici Corte Costituzionale: ultime notizie, tandem rosa