in ,

Elena Ceste ultime news: il marito Michele rideva dopo la sua scomparsa

Per la Procura di Asti non ci sono dubbi: sarebbe stato Michele Buoninconti ad uccidere Elena Ceste, e dopo averla strangolata sul letto, ne avrebbe occultato il corpo nel canale di scolo del Rio Mersa, a meno di 1 km dalla sua abitazione. Per questo il gip Giacomo Marson ne ha chiesto giudizio immediato: le prove a carico dell’indagato sarebbero più che sufficienti per procedere.

A proposito di prove ed indizi sulla colpevolezza del vigile del fuoco 45enne, ve ne sarebbe una di non poca importanza, ovvero la testimonianza di una vicina di casa, la signora Ester Nicola, che parlò con lui nei momenti immediatamente successivi alla sparizione di Elena. La donna riferì ai carabinieri che Buoninconti assunse un atteggiamento alquanto anomalo in quei momenti: rise quando il telefono di Elena, che lui teneva in mano, squillò. Una reazione “fuori luogo” a detta della signora, che da un marito in cerca della moglie scomparsa da poche ore non ci si aspetterebbe proprio, se davvero preoccupato per la sua sorte.

Non solo, la vicina di casa avrebbe anche riferito agli inquirenti di avere ricevuto delle confidenze da parte della 37enne, la quale sarebbe stata molto insofferente per l’atteggiamento oppressivo del marito che le controllava il cellulare ossessivamente e le impediva di rispondere liberamente ad una telefonata.

Seguici sul nostro canale Telegram

Giro d Italia 2015

Giro d’Italia 2015 15ª tappa: Contador ipoteca la Maglia Rosa, la frazione va a Mikel Landa

Circo del Terrore a Bologna

Circo del Terrore a Bologna: ecco le date, il 29 maggio 2015 comincia l’ ‘Infierno’