in ,

Elena Ceste ultime notizie, sms e tabulati telefonici: i punti oscuri nel racconto di Michele Buoninconti

Michele Buoninconti in questi mesi di indagini sulla scomparsa e uccisione di sua moglie Elena Ceste ha fatto molte dichiarazioni agli inquirenti e ai giornalisti, cadendo spesse volte in contraddizione. Dipinse Elena, fin dalle prime ore dalla sparizione, come una donna fuggita di casa in stato confusionale, in preda al delirio. Parole tuttavia smentite dal papà della donna che, avendola vista il 23 gennaio, la trovò assolutamente “tranquilla”.

E poi il giallo degli sms e delle telefonate: Michele entrava spesso in possesso del cellulare di sua moglie e – per confidenza della stessa Elena a Paolo Lanzilli – era anche riuscito a violare il suo profilo Facebook. Michele da tempo controllava quel cellulare, ma in più d’una occasione ha dichiarato di aver letto gli sms ricevuti da Elena solo la sera prima della sua scomparsa. Perché?

Queste ed altre contraddizioni dell’indagato sono state ampiamente scandagliate in un articolo pubblicato sul settimanale “Giallo”, che parlerebbe anche di un comitato formato da amici di Michele Buoninconti intenzionati a difenderlo a mezzo stampa. Frattanto la Procura di Asti continua l’incessante ricerca della verità e nelle ultime settimane sta riconvocando per nuovi interrogatori molte persone vicine alla donna e già sentite all’inizio delle indagini.

incidente Martin Rivas

Romeo e Giulietta: attimi di paura per Martin Rivas sul set

Fedez Morgan rissa semiofinale X-Factor 8 commenti

Fedez commenta così la rissa con Morgan dietro le quinte di X-Factor 8