in ,

Elena Ceste ultime novità: denunciato falso testimone, ha inventato chat con la vittima

Vito R. un imprenditore savonese di 38 anni, originario di Nola, in provincia di Bari, sposato ed incensurato, lo scorso 9 novembre aveva contatto i carabinieri di Asti dicendo di avere “importanti dichiarazioni” da fare su Elena Ceste, poiché erano diventati amici su una chat e spesso si sentivano al telefono. A supporto delle sue dichiarazioni aveva mostrato agli inquirenti delle schermate con conversazioni in una chat per single con una “EleAsti”. L’uomo però, pare sia un mitomane e non un ligio cittadino pronto al suo dovere.

Il geometra avrebbe cambiato la data di ricezione dei messaggi, anticipandola al settembre 2013: “Si sono sposata e ho quattro figli” e poi a seguire: “Volevo dirti che grazie a te ho trovato il coraggio di dirgli che voglio lasciarlo. Ho copiato i messaggi su una memory card, se ne è accorto ed è diventato un mostro. Mi ha strattonata fino a farmi cadere”. Conversazioni in cui si racconta un clima familiare in casa Ceste molto compromesso. Il geometra racconta ai carabinieri che spesso sentiva Elena al telefono. Fino al momento in cui gli inquirenti non recuperano la schermata originale delle conversazioni, risalenti al novembre 2014 e dopo tre ore di interrogatorio in cui l’uomo cerca di tenere in piedi la sua messa in scena, crolla e confessa di essersi inventato tutto: “In questo periodo sono depresso, volevo diventare ospite dei talk in tv che si occupano ogni giorno del caso, volevo fama e visibilità, non ho mai avuto contatti con Elena Ceste”.

L’uomo è stato denunciato “per false comunicazioni al pm e falsificazione del contenuto di comunicazioni informatiche”. Inoltre si era già messo in contatto con una rete tv. Nel caso di Elena Ceste, secondo quanto spiegano gli stessi investigatori, sono stati circa duecento i mitomani, compresi veggenti e sensitivi, che hanno cercato di entrare nel caso della madre di Costigliole d’Asti. Tutte le segnalazioni, anche le più fantasiose, sono state analizzate dagli inquirenti, con un grande e grave dispendio di energia.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Hernanes Inter

Milan – Inter ultimissime: Hernanes non ce la fa

Ghirardi fallimento Parma

Parma, penalizzazione certa: la nota del club