in

Elena Santarelli: «Di fronte a lui non ho mai pianto!», così la showgirl racconta la malattia del figlio

«Io in reparto col rossetto, di fronte a lui non ho mai pianto, giusto così», queste le parole di Elena Santarelli, la showgirl che il pubblico italiano ha ribattezzato «mamma coraggio». Ai microfoni di Verissimo tempo fa Elena Santarelli si era sfogata, raccontando la terribile malattia del figlio Giacomo, di soli nove anni, avuto dal ex calciatore Bernardo Corradi.

Il 30 novembre del 2017 viene diagnosticato al piccolo un tumore celebrale.«Quando abbiamo avuto la notizia, mi è arrivato un pugno dritto allo stomaco!». Da allora niente è stato più come prima: le cure, le giornate trascorse in ospedale, le analisi, i momenti di sconforto e le attese. Ma Giacomo si rivela un guerriero, coraggioso, forte, parimenti la sua straordinaria mamma, che in un’intervista ha dichiarato recentemente: «Mi sento estremamente fortunata già per il fatto stesso che mi hanno detto che si può combattere». Davanti al piccolo che ha festeggiato il suo compleanno lo scorso 22 luglio, Elena Santarelli non ha mai pianto. Non lo ha mai trattato da malato, ha cercato di «preservare» quella quotidianità che dovrebbe toccare ad ogni bambino: così durante le chemio Giacomo leggeva, studiava, faceva i compiti come un qualsiasi ragazzino delle elementari.

 

Elena Santarelli ne aveva parlato per la prima volta su Instagram, dove ha raccolto l’affetto immenso e sincero di centinaia followers, che continuamente le domandano aggiornamenti circa lo stato di salute di Giacomo. Per due motivi si è affidata ai social: in primis perché altre mamme nella sua condizione sapessero che il cancro si può sconfiggere («Ogni caso è diverso, ma mio figlio corre, mangia, ride, ha una vita normale al 60-80 per cento. Vorrei che le mamme avessero speranza!»), in secondo luogo per aiutare la ricerca, per la Onlus Heal, che si occupa di neuroncologia pediatrica col Bambino Gesù di Roma, l’ospedale che ha in cura il figlio. A sposare la causa della Onlus Heal anche Bobo Vieri, amico della coppia. Tanti i momenti difficili, a raccontarne qualcuno è la stessa Elena Santarelli lo scorso luglio al “Corriere della sera”: «La prima sera in reparto è stata la più dura. Non volevo che Giacomo vedesse i bambini intubati, non potevamo dirgli subito: ora fai la chemio, perdi i capelli, combatti le cellule. Ci siamo arrivati piano piano con l’aiuto, fondamentale, degli psicologi». Drammatico anche il pomeriggio stesso in cui l’attrice ha appreso della malattia del figlio: «Sono andata in bagno e ho vomitato. Poi, mi sono messa a piangere in silenzio, per non farmi sentire da mio figlio. Giacomo mi ha chiesto di giocare alla Playstation e l’ho fatto. Ho passato la notte su Internet a cercare le parole del referto e a chiamare amici che conoscevano medici!».

A ferirla pure gli insulti e i commenti di cattiveria gratuita che di tanto in tanto arrivano su Instagram. Qualcuno la biasima per averne parlato pubblicamente, qualcun altro per le vacanze al mare. Come se «sorridere in uno scatto» togliesse qualcosa all’amore smisurato che prova per Giacomo. È altresì stanca di sentirsi dire che «Giacomo è maschio», quindi non deve e dovrà preoccuparsi dei capelli persi per la chemioterapia. Sono parole superficiali, perché lei pensa con la testa di suo figlio e sa che soffre e soffrirà comunque. Per questo vorrebbe strapparsi i suoi per fargliene dono. Per questo di notte, con la torcia, andava a raccogliere i capelli di Giacomo dal cuscino, per non farglieli trovare al mattino. Momenti duri, durissimi, delle pugnalate. «Metti al mondo un figlio e vuoi proteggerlo, ma non sai che puoi sentirti così tanto impotente» afferma l’attrice, che assieme alla famiglia, vive nella speranza che Giacomo faccia parte di quell’80% che sopravvive, sconfiggendo il cancro. Un percorso lungo che ci auguriamo si concluda con un lieto fine.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Le sette biblioteche più belle del mondo

È morta Aretha Franklin, la “regina del soul” aveva 76 anni