in

Elena Santarelli, una mamma contro tutti: «Ma chi cavolo siete per giudicare?»

Ci troviamo davanti ad una Elena Santarelli visibilmente emozionata, ospite a La Repubblica delle Donne, il programma di Rete4 condotto da Piero Chiambretti. Nella lunga intervista la soubrette non ha evitato il capitolo sulla malattia di suo figlio Giacomo. Spiegando come sta affrontando lo status di salute del bambino e, suo malgrado, anche gli insulti che nelle ultime settimane sta ricevendo dal mondo dei social.

Elena Santarelli difende se stessa

Arrivata al limite la modella ha deciso di rispondere a tono a tutte le critiche ricevute.
“Che mamma sarei, mi spieghi? Sa quante mamme conosco che hanno Instagram e che frequento che hanno figli con diagnosi simili a quella di mio figlio e che scattano foto e ballano sui tavoli? Pensa un po’ te. Mi avete rotto con queste sentenze, ma chi cavolo siete per giudicare? Attaccate me perché vi piace vincere facile, se solo ti dicessi quelle che hanno i figli  come il mio, non so se avresti il coraggio di scrivere le stesse cose. Vergognati per quello che hai scritto” ha scritto la Santarelli in un commento.

A chi, invece, l’ha accusata di godersi la vita con i soldi del marito ha così risposto: “Dovresti documentarti sui numeri raccolti dalla ricerca. Ti consiglio di stare zitta e comunque ho il mio conto corrente”.

Una risposta a tono per tutti

Per concludere, ha risposto anche a chi l’ha accusata di aver portato il figlio, colpito da un tumore celebrale, in alta montagna.
“Sentiamo quali sarebbero le controindicazioni? Spero che tu sia laureata in oncologia e soprattutto in tumori cerebrali perché sono stanca di tutti questi professori e professoresse che girano su Instagram. E che puntano il dito senza sapere, che giudicano gli altri e non giudicano se stessi. Aspetto con ansia la risposta! Io non sono laureata, ma assicuro che potrei fare un libro su come va affrontata questa esperienza, sulle cose da dire, da fare e da non fare. Cose imparate sul campo e anche con tanta fretta. La prima cosa da fare è far finta che non ci sia nessun problema da risolvere in casa. Dai retta ad una mamma di 37 anni che la sa lunga” ha scritto la Santarelli.

La libertà di espressione dovrebbe camminare di pari passo all’empatia, al tatto ed alla buona educazione.

UrbanPost consiglia: Diletta Leotta la vera stella del Gran Galà del Calcio: l’abito a sirena fa impazzire tutti

MD offerte di lavoro: nuove assunzioni, ecco come candidarsi

Benedetta Porcaroli: età, peso, altezza, vita privata della protagonista della serie Netflix “Baby”