in ,

Elezioni regionali 2015, tendenze di voto: scenario imprevedibile in Liguria e Campania

Ormai il conto alla rovescia è iniziato: fra tre giorni in sette regioni d’Italia i cittadini saranno chiamati a votare per le Elezioni regionali 2015. Sarà un importante banco di prova per il governo di Matteo Renzi, a un anno dal trionfo alle Europee, in cui il Partito Democratico sfiorò il 41% su base nazionale.

Questo voto sarà un test elettorale molto difficile per l’esecutivo Renzi che, nonostante le incertezze dell’esito finale e le polemiche divampate in merito alle discusse candidature Pd in Liguria e Campania, ieri si è mostrato sicuro di sé: “Se faremo 6 a 1 sarà comunque un successo”, ha detto. La sfide saranno sette, si voterà in Liguria, Campania, Veneto, Puglia, Toscana, Umbria e Marche; imprevedibile l’esito del voto, giacché la preannunciata vittoria schiacciante del Pd, a qualche ora dal silenzio elettorale non appare più così scontata.

Teatri dell’incerto, Liguria e Campania. In entrambe regioni si gioca la partita nazionale più importante delle elezioni regionali. C’è il caso della Campania, dove il Pd candida contro l’ex sindaco di Salerno e presidente uscente Stefano Caldoro (Centro-destra), l’improponibile Vincenzo De Luca, sul quale grava una condanna in primo grado per abuso d’ufficio e aleggia lo spettro della decadenza immediata in caso di elezione per effetto della legge Severino. Analoga imprevedibile situazione in Liguria, dove la Sinistra è spaccata e propone due candidati, espressione delle due facce dei democratici: quella che fa capo al premier Renzi con Raffaella Paita e l’altra, al ‘dissidente’ Pippo Civati, con Luca Pastorino. Ed è proprio la candidatura ‘renziana’ che ha fatto divampare la polemica: Raffaella Paita sarebbe infatti una candida ‘improponibile’ in quanto indagata nell’ambito dell’inchiesta sull’alluvione a Genova.

jackson pollock opere frasi

Jackson Pollock in cucina: a cena con le ricette dell’artista

Omicidio Pordenone ultime news

Pomeriggio 5 anticipazioni puntata 28 maggio: omicidio Pordenone ultime notizie