in ,

Elezioni Regionali Sicilia 2017: quando e come si vota, candidati, info utili e ultime notizie (GUIDA)

Elezioni Regionali Sicilia 2017.  Sono in programma domenica 5 novembre le elezioni per il Presidente della Regione e dell’Assemblea della Regione Siciliana, per le quali saranno chiamati alle urne circa quattro milioni e mezzo di persone. Le votazioni si svolgeranno dalle ore 8 alle ore 22 e le operazioni di scrutinio avranno inizio a partire dalle ore 8 di lunedì 6 novembre. Le elezioni del Presidente della Regione e dell’Assemblea regionale sono contestuali. Entrambe sono a suffragio universale e diretto. Ma come si vota? Chi sono i candidati? Quali le ultime info utili? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

>>> TUTTE LE NEWS CON URBANPOST <<<

Elezioni Regionali Sicilia 2017: quando e come si vota?

Le votazioni si svolgeranno dalle ore 8 alle ore 22 di domenica 5 novembre 2017. Le operazioni di scrutinio, invece, avranno inizio a partire dalle ore 8 di lunedì 6 novembre.

Elezioni Regionali Sicilia 2017: come si vota?

Quali sono le modalità di svolgimento delle elezioni sono disciplinate dalla legge regionale 20 marzo 1951, n. 29 (“Elezione dei Deputati all’Assemblea regionale siciliana”) e successive modifiche? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Circoscrizioni

  • il collegio elettorale per l’elezione del Presidente della Regione coincide con il territorio regionale;
  • per l’elezione dell’Assemblea il territorio della Regione è ripartito in un numero di circoscrizioni pari al numero delle province regionali. L’ambito territoriale di ciascuna circoscrizione coincide con il territorio provinciale.

Contestualità del voto

  • l’elezione del Presidente della Regione e dell’Assemblea regionale sono contestuali e le votazioni avvengono su un’unica scheda.

Esercizio del diritto di voto

  • la scheda è unica e l’elettore può esprimere due voti: uno per la lista regionale e uno per la lista provinciale;
  • voto di preferenza: è possibile esprimere la preferenza per uno dei candidati inseriti nelle liste provinciali;
  • voto disgiunto: l’elettore può votare una lista regionale e una lista provinciale non collegate fra loro;
  • nel caso in cui l’elettore ometta di votare per una lista regionale, il voto validamente espresso per una lista provinciale si intende espresso anche a favore della lista regionale che risulta collegata con la lista provinciale votata.

>>> GLI ULTIMI SONDAGGI ELETTORALI IN SICILIA <<<

Chi viene eletto Presidente della Regione Sicilia 2017?

Viene proclamato eletto alla carica di Presidente della Regione il capolista della lista regionale che consegue il maggior numero di voti validi.

Come si forma l’Assemblea Regionale in Sicilia?

L’Assemblea Regionale in Sicilia come viene formata? Avviene con sistema proporzionale con correttivo maggioritario Dei 70 seggi dell’Assemblea siciliana:

  • 62 sono attribuiti in ragione proporzionale sulla base di liste di candidati concorrenti nei collegi elettorali provinciali
  • uno al Presidente di regione;
  • uno al capolista della lista regionale che ottiene una cifra di voti validi immediatamente inferiore a quella conseguita dalla lista regionale risultata più votata;
  • i restanti, fino ad un massimo di 6, ai candidati della lista regionale del Presidente eletto.
  • Casi particolari sono disciplinati dalla legge elettorale regionale.

Elezioni Regionali Sicilia 2017: chi sono i candidati?

Il 20 settembre 2017 è stato pubblicato in Gazzetta il decreto di convocazione dei comizi elettorali e la ripartizione dei seggi nei collegi provinciali. Le candidature a presidente e le liste sono state presentate il 5 e il 6 ottobre 2017 con scadenza alle ore 16:00 di giorno 6.

Giancarlo Cancelleri

Il Movimento 5 Stelle, il 9 luglio 2017 ha ufficializzato la candidatura di Cancelleri, già candidato presidente nelle elezioni del 2012 e deputato dell’Assemblea regionale siciliana, scelto tramite primarie via web. Il 5 ottobre Cancelleri presenta ufficialmente le sua candidatura e il listino del presidente.

Claudio Fava

Azione Civile, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Comunista Italiano e Risorgimento Socialista il 29 luglio hanno indicato la candidatura dell’ex deputato DS Ottavio Navarra. Il 26 agosto MDP e Sinistra Italiana, insieme poi a Possibile, propongono la candidatura del parlamentare nazionale Fava, che il 30 agosto scioglie la riserva. Successivamente anche I Verdi annunciano che sosterranno Fava. Il 4 settembre Navarra ritira la sua candidatura e annuncia che sarà Fava il candidato unico della sinistra. In seguito a ciò il Partito Comunista Italiano, Azione Civile e Risorgimento Socialista lasciano la coalizione. Il 5 ottobre Fava presenta ufficialmente le sua candidature a il listino del presidente.

Fabrizio Micari

Il 22 agosto il PD e AP, insieme al sindaco di Palermo Leoluca Orlando, e con i Centristi per la Sicilia trovano l’accordo per la candidatura di Micari, dall’ottobre 2015 rettore dell’Università di Palermo, e vicino ai renziani. Successivamente anche Sicilia Futura dichiara che appoggerà Micari, in una lista insieme ai Socialisti di Nencini. Anche Rosario Crocetta che a luglio aveva annunciato la sua ricandidatura, dichiara il 4 settembre il sostegno a Micari. Il 5 settembre anche il Centro Democratico annuncia il proprio appoggio alla coalizione di centrosinistra. Il 6 ottobre presenta la sua candidatura alla presidenza e il listino regionale.

Nello Musumeci

Il movimento #DiventeràBellissima, il 28 aprile 2017 ha ufficializzato la candidatura dell’ex presidente della Provincia di Catania ed ex sottosegretario. In luglio Fratelli d’Italia annuncia che presenterà una lista a sostegno di Musumeci. Un mese dopo anche Noi con Salvini annuncia che sosterrà Musumeci. Anche Stefano Parisi con il movimento “Energie per l’Italia” appoggierà Musumeci. In agosto anche il vicecommissario dell’UDC in Sicilia, Girolamo Turano, annuncia che appoggeranno Musumeci. Il 29 agosto anche in coordinatore regionale di Forza Italia Gianfranco Miccichè annuncia il sostegno a Musumeci. Il 1º settembre Cantiere Popolare, MpA, Nuovo CDU, Movimento Sicilia Nazione e Idea Sicilia annunciano che faranno parte della coalizione. Il 18 settembre Scelta Civica e il Partito Liberale Italiano annunciano che presenteranno propri candidati all’interno della lista di Forza Italia. Vittorio Sgarbi sostenuto da Rinascimento e Moderati in Rivoluzione, che aveva annunciato la candidatura, il 28 settembre si ritira dichiarando il sostegno a Musumeci. Il 5 ottobre Musumeci presenta ufficialmente la sua candidatura e il listino del presidente.

Roberto La Rosa

Con il movimento indipendentista di cui fa parte, Siciliani Liberi, il 5 ottobre presenta la sua candidatura a presidente e il listino regionale.

Gioia Tauro, sequestrata “droga combattente”: traffico gestito dall’Isis

Detto Fatto quando ricomincia

Detto Fatto in diretta ogni giovedì: nella social room Andrea Dianetti (FOTO)