in

Elezioni Roma 2013, Cicciolina candidata con il Pli: legalizzare droghe leggere e parchi dell’amore

Ilona Staller ha ufficializzato stamattina il suo appoggio al Pli e presentato il suo ‘programma libertario e antiproibizionista’: “Dare garanzie alle coppie omosessuali, tutelare la dignità dei detenuti e delle donne oppresse, legalizzare le ‘non droghe’, istituire i parchi dell’amore per legalizzare la prostituzione, tutelare l’ambiente e gli animali”.

pornostar cicciolina

Iniziative che sembrano avere un respiro più ampio rispetto ai poteri di un’amministrazione comunale, seppur si sta parlando di quella della Capitale. E di fatto Cicciolina ha lasciato comprendere di seguire bene le convulse dinamiche politiche nazionali, dando la sua opinione anche sull’elezione del Presidente della Repubblica: “Io avrei voluto Marco Pannella a cui voglio tanto bene ma se deve essere una donna vedrei bene Emma Bonino”.

Entusiasta il segretario del Pli, Stefano De Luca: “Questa di Ilona Staller non è un’operazione di marketing. Vent’anni fa entrambi sedevamo in Parlamento. La candidatura è una scelta personale maturata dopo la lettura del programma dei liberali per Roma”. Dal canto suo Cicciolina ha sposato di buon grado il progetto. In una sala stracolma di giornalisti e fotografi, dopo aver firmato l’iscrizione al partito e ricevuto tessera e spilletta ha dichiarato: “Sono felicissima di far parte di questo partito meraviglioso, è una proposta che ho caldeggiato da un po’ di tempo: il progetto racchiude la necessità di valorizzare i diritti civili in alternativa al bigottismo catto-comunista e clerico-fascista. Molte cose non funzionano a Roma: io abito sulla Cassia e vedo le buche sulle strade e i lampioni che mancano. Penso che un sindaco deve mantenere le sue promesse e pensare ai problemi della gente, che ha bisogno di persone sincere, di essere tutelata”.

Istanze recepite dal candidato sindaco del Partito liberale, Edoardo de Blasio, tuttavia ancora in forse in quanto lo stesso segretario De Luca ha spiegato: “Siamo disponibili a ragionare con coalizioni più grandi e, nel caso, chiederemo a de Blasio di fare un passo indietro: un candidato che prospettasse un programma fortemente riformatore con cui fare un’alleanza ci piacerebbe. Le nostre liste sono aperte all’area repubblicana e radicale, all’area dell’impegno civile e, soprattutto, all’area laica che pensa che il Campidoglio e il Vaticano devono fare le loro cose separatamente”.

Written by Enzo Ranaudo

Campano, irpino. Laureato in Scienze della Comunicazione. Appassionato di musica e di calcio ed attento osservatore dello scenario politico e delle dinamiche sociali. Da anni collaboratore di numerose testate on-line e diversi quotidiani

Che cos’è il massaggio olistico

locandina-elysium

Jodie Foster Torna alla Fantascienza con Elysium insieme a Matt Damon