in

Elezioni vietate ai movimenti: dal PD disegno di legge “anti Grillo”

Mossa del cavallo del PD contro il Movimento 5 Stelle. Al Senato è stato presentato dai Democratici Luigi Zanda e Anna Finocchiaro un disegno di legge che, se approvato, vieterebbe ai movimenti ed alle associazioni senza personalità giuridica e senza uno statuto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di partecipare a qualsiasi competizione elettorale.

grillo

Se una legge di questo tipo dovesse essere approvata, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo non potrebbe quindi presentarsi alle prossime elezioni, a meno che non si trasformasse in partito. La reazione di Grillo non si è fatta attendere ed è durissima. Dal suo blog il leader del Movimento 5 Stelle lancia il campagna #NonSiamoUnPartito e arriva a minacciare l’aventino, se la contestata proposta dovesse diventare legge dello stato.

“Il MoVimento 5 Stelle  –  scrive Grillo – non è un partito, non intende diventarlo e non può essere costretto a farlo. Se la legge anti MoVimento di Finocchiaro e Zanda del pdmenoelle sarà approvata in Parlamento il M5S NON si presenterà alle prossime elezioni.”

Poi Grillo accusa PD e Pdl di voler tagliar fuori dalla politica, con questa mossa, milioni di cittadini lasciandoli senza rappresentanza. E soprattutto con conseguenze sociali inimmaginabili. Intanto la discussione è decollata rapidamente nel pomeriggio su Twitter con l’hashtag #nonsiamounpartito

 

x factor 7

X Factor 7 anticipazioni, Elio conferma: “Ci sarò…senza baffi!”

Applicazioni Iphone e Ipod: ecco il microscopio professionale