in ,

Eligia Ardita clamorose rivelazioni: audio shock alimenta nuovi sospetti

Agatino Ardita chiede che si indaghi sulle persone vicine a Christian Leonardi, l’assassino di sua figlia Eligia, ammazzata di botte all’ottavo mese di gravidanza il 19 gennaio scorso, al culmine di una furiosa lite con il marito. Il sospetto degli inquirenti è che l’uomo – reo confesso del delitto – non abbia agito da solo.

Oggi durante la diretta di Mattino 5, Federica Panicucci ha approfondito il caso Eligia Ardita insieme al criminologo Picozzi, concentrando l’attenzione su un dettaglio inquietante emerso durante la diffusione della telefonata che Chirstian fece al 118, fingendo di chiedere aiuto. Si sente chiaro e distinto un rumore di sottofondo che somiglia allo scricchiolio di un cancello, che Agatino Ardita, in collegamento video, conferma essere quello del cancello di casa di Eligia, sita in via Catalabiano a Siracusa.

Un dettaglio che non è passato inosservato, in quanto potrebbe confermare il sospetto degli inquirenti ovvero che l’assassino fosse già fuori casa al momento della telefonata, e non da solo. Sarebbero cinque le persone sospettate di averlo aiutato a ripulire la scena del crimine, e l’audio di quella telefonata potrebbe provare che Christian mentre parlava con gli operatori del 118 stesse uscendo di casa. Per andare dove? A fare cosa? Con chi? Tre quesiti che andranno quanto prima chiariti, perché la famiglia della vittima continua a ripetere di essere convinta che l’assassino di Eligia sia stato aiutato da qualcuno. Nei prossimi giorni saranno sentiti gli amici dell’omicida, uno dei quali è già stato interrogato.

Dove vedere Bate Borisov Roma

Dove vedere Bate Borisov – Roma orario diretta tv streaming e probabili formazioni Champions League

Mio Mercato lavora con noi

Mio Mercato lavora con noi 2015: offerte a Capaci, Calatafimi, Alcamo e altre città