in ,

Elio e le Storie Tese, Vincere l’odio: testo Sanremo 2016

Ecco il testo della canzone Vincere l’odio di Elio e le Storie Tese presentata al Festival di Sanremo 2016. Di che cosa parla la canzone di Elio e che cosa prova a sviscerare? Scopriamolo insieme analizzando il testo, dove e come possibile…

“Se mi guardi con quel sguardo dentro agli occhi/ Io ti sfido a innamorarmi di te/ Ma due occhi per sguardarsi sono pochi/ Per amarci ce ne vuole almeno tre/ Ce ne vogliono tre/ Femminiello che vivi a Napoli/ Coi problemi presenti a Napoli/ Femminiello di una metropoli sul mare chiaro/ Femminiello ma quanti ostacoli/, fermiamoci un istante. Per amarsi veramente bisogna genialmente “sguardarsi”, e sguardandosi proseguiamo a Napoli…

Nel tuo cuore disperso a Napoli/ Per fortuna che poi c’è il Napoli/ Al San Paolo di Napoli/ San Paolo, San Paolo, convertitoti nei pressi di Damasco/ San Paolo, San Paolo, quante lettere scrivevi tu/ San Paolo, San Paolo, ebreo ellenizzato di Tarso/ San Paolo, San Paolo, per fortuna che il Signore ti è apparso/Perché tu perseguitavi i cristiani/ E giustamente lui ti ha detto stop stop stop” rifermiamoci, dal clima contemporaneo della città partenopea alla religione cristiana, con quell’insegnamento preciso che Gesù Cristo fece a San Paolo, anti-odio per profondo amore. Ripartiamo per…

Sto partendo con il treno per andare a Kathmandu/ Dove ti sei trasferita per fondare una tv/ Che trasmette televendite di vini calabresi/ Che in Nepal vanno forte ma li fanno a Kathmandu/ Quanto è bella la Calabria, quanto che sei bella tu/ Tubero che mediti tranquillo sotto terra/ Finché c’è una mano nerboruta che ti afferra/ Tu dici «No no no », poi dici «Forse forse forse»/ Poi ti lasci prendere/ E ti abbandoni a questo mio pelapatate / Accompagnato dal tuo amico topinambur/ Topinamburbera, sedicente burbera“, elogio del gusto e viaggio dei sensi, con quell’amore burbero che attira e piace.

Chi l’avrebbe detto, nascondevi un cuore d’oro/ Sotto a quei 90 chili di burbera/ Non cambiare mai burbera/ Energumena, accarezzami lo stesso/ Cantando questa canzone brutta/ Brutta da cantare se vuoi / Sarà pure brutta però a me mi piace / Canzone brutta/ Sarà capitato anche a voi/ Di avere una canzone in testa/ Brutta / Brutta./ E il messaggio che noi qui vogliam comunicar con questi ritornelli è: / Vincere l’odio“, e si conclude da sé.

Curry Finals NBA Golden State

Nba risultati e highlights della notte: Steph Curry fa ancora notizia?

Incidente francia sei morti scuolabus

Francia, scuolabus esce di strada: 2 ragazzi morti e altri 7 feriti