in

Elisabetta Canalis Instagram, le rughe sul seno “tradiscono” la showgirl: «Quelle non le puoi spianare»

Elisabetta Canalis, bellezza senza tempo? A quanto pare no! Almeno secondo i ‘maligni’. Attentissimi e taglienti, i followers della sarda più amata di sempre non si fanno sfuggire nulla. L’ultimo scatto Instagram dell’ex velina di Striscia la Notizia – secondo qualcuno – rivelerebbe la vera età della quarantenne sassarese. Eppure, verrebbe da dire, nell’immaginario collettivo non è cambiata di una virgola. Fisico tonico ed esplosivo, viso disteso, Elisabetta Canalis è rimasta la ragazzina che debuttò su quel bancone nel lontano 1999.

Elisabetta Canalis Instagram, “Stratosferica”

“Una gnocca stratosferica”, Elisabetta Canalis manda in delirio gli oltre 2 milioni e 300 mila followers su Instagram ad ogni scatto. Sensuale e irraggiungibile, nonostante tutto viene considerata la ragazza della porta accanto. Il successo non sembra averla cambiata, ma il decolleté potrebbe tradirla. Ebbene sì, secondo il commento di qualche ‘amante dei particolari’, il seno della Canalis non sarebbe più quello di una volta. E la tesi del precisino vorrebbe anche che nulla fosse possibile per questo tipo di ‘cedimento’.

Elisabetta Canalis, su Instagram “Le prime rughe irrimediabili”

“In mezzo al seno – si legge sotto il post Instagram di Elisabetta Canalis che posa in un micro top con le braccia piegate attorno al capo – le prime rughe che non puoi spianare”. Dunque, chirurgia sì ma fino a un certo punto. Peccato che l’osservazione del fan venga subito smentita da un ‘esperto’. “Veramente si usano dei Pad in silicone per dormire e ti distendono la pelle”. Il rimedio, a quanto pare, ci sarebbe. Forse, semplicemente, Elisabetta non ne ha davvero bisogno.

Leggi anche —> Rosa Perrotta, nuda su Instagram col pancione: sensualissima e… tanta!

Valeria Valeri è morta, l’attrice e doppiatrice si è spenta a 97 anni: una vita per il teatro

Antonio Banderas malattia: «La morte non mi spaventa! Ho usato quel dolore per il film ‘Dolor y Gloria’!»