in

Elisabetta Canalis, su Instagram la schiena nuda è «A rischio coronarie», ma le ossa in evidenza sono troppo

È considerata una delle donne più belle del mondo, ogni scatto di Elisabetta Canalis è un tornado di emozioni per i followers che su Instagram la seguono assiduamente. Divisa tra l’Italia e gli Stati Uniti, la bella Elisabetta è rimasta per molti versi la ragazza della porta accanto, scesa dal bancone di Striscia che le ha dato la tanto ricercata notorietà. Una bellezza mediterranea che in tanti riconoscono come ideale della donna perfetta. Ma l’ultimo post su Instagram ha un po’ diviso l’opinione dei fan.

Elisabetta Canalis Instagram, sensuale ma…

Coperta da un body nero, Elisabetta Canalis, seduta, è poggiata sul ginocchio con la schiena ricurva. Una posizione che indubbiamente mette in evidenza la magrezza dell’ex velina sarda, per molti troppo esasperata. Si contano perfino le costole, nello scatto in bianco e nero che se da una parte mette in evidenza la sensualità della quarantenne sassarese, dall’altra la espone a critiche un po’ aspre. Lo sguardo penetrante e le labbra carnose, riescono comunque a distogliere in molti dai commenti negativi.

Elisabetta Canalis, su Instagram è una musa

Non mancano gli elogi alla perfezione delle gambe di Elisabetta Canalis: asciutte e toniche sono sì merito di madre natura ma anche il risultato degli sforzi sportivi di Elisabetta, da sempre amante del fitness. Insomma, sebbene la didascalia della foto sia “A corto d’ispirazione”, a giudicare dai commenti sotto il post Instagram della Canalis i followers riescono sempre a trovare in Elisabetta una musa. Un idolo da ammirare con prudenza però, viste le conseguenze provocate su qualcuno che ironicamente scrive: “Coronarie a rischio”.

Leggi anche —> Michelle Hunziker Instagram, gambe strepitose, collant velati e cinturini alle caviglie: «Un sogno erotico»

Belen Rodriguez Instagram, fan impazziti, il lato B da urlo: «Quanto vorrei essere quel muro!»

Teresa Langella in costume su Instagram, gli haters la massacrano: «Mamma mia che polpacci! Un uomo!»