in

Emanuele Scieri Pisa, news ipotesi omicidio: intercettazioni incastrano l’ex militare arrestato

Pisa Emanuele Scieri trovato morto: dopo la svolta nelle indagini relative al caso del 26enne siracusano, parà di leva, trovato cadavere il 16 agosto di 19 anni fa nella caserma Gamerra di Pisa, centro di addestramento della Folgore, emergono nuove indiscrezioni circa l’ex commilitone arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di concorso in omicidio volontario. Secondo le poche indiscrezioni che arrivano alla Procura di Pisa, il giovane sarebbe stato ucciso perché vittima di aggressione per nonnismo. Per gli inquirenti “dopo la caduta dalla torre di asciugatura dei paracadute il giovane è stato lasciato agonizzante a terra”.

Leggi anche: Pisa, Emanuele Scieri parà scomparso e ritrovato cadavere: svolta nelle indagini dopo 19 anni

Diverse intercettazioni ambientali avrebbero inchiodato l’indagato Alessandro Panella, ai domiciliari con l’accusa di aver provocato la morte del giovane militare di leva, il quale secondo il Gip che ne ha ordinato l’arresto ai domiciliari era in procinto di partire per Chicago e non rientrare mai più: “Appena arrivo in Usa lo comunico al consolato” è una delle frasi intercettate. “Se stavolta riescono a incastrarmi, mi sa che ci muoio in carcere”, ha detto, anche, dimostrando di temere che gli inquirenti arrivassero a lui. L’ex caporal maggiore della Folgore, ai domiciliari da giovedì mattina, è accusato di avere tolto la vita, lasciandolo agonizzante, il giovane Scieri, morto il 13 agosto 1999 nella caserma Gamerra di Pisa. Temeva che la situazione sarebbe precipitata e infatti aveva prenotato un volo di sola andata per Chicago.

Parto e rinuncio alla cittadinanza” diceva il 26 luglio scorso mentre parlava con il padre ed il fratello: “Alessandro – diceva il padre nella intercettazione il padre – l’importante è che tu riesca a partire”. E il fratello: “Vagliela poi a notificare la roba, gli dò un indirizzo sbagliato”. “Me stai a chiarì le idee papà” – aggiungeva Panella – “Mi chiarisce le idee su quello che voglio fa’, ‘ndo voglio sta’. Io per esempio prima avevo il dubbio di rimanere in Italia ora non ce l’ho più. Rinuncio alla cittadinanza e appena arrivo in Usa lo comunico al consolato”.

Liguria Bandiera Blu 2018: quali sono le spiagge premiate

Iveco offerte di lavoro 2018: selezioni aperte, ecco posti disponibili, come candidarsi e info requisiti

Back to Top