in ,

Emergenza immigrazione Ungheria: al via gli arresti per i migranti

L’emergenza immigrazione è un tasto dolente anche per i paesi al Nord Europa: dopo i terribili episodi che si sono verificati e non cessano di esistere in Grecia, Italia, Macedonia e Siria, anche l’Ungheria entra a far parte del cerchio di paesi europei maggiormente colpiti dal problema dell’immigrazione. Nelle ultime ore, infatti, sono oltre 3000 i migranti che hanno varcato il confine ungherese.

Il premier Orban ha annunciato la linea dura: da settimana prossima, più precisamente a partire dal 15 settembre, scatteranno gli arresti per tutti coloro che entreranno illegalmente in Ungheria. Il 15 settembre non è una data a casa: martedì entrerà in vigore la normativa restrittiva che riguarda la politica di immigrazione. A questo proposito, è appunto intervenuto il premier ungherese che ha sta innalzando un muro con la Serbia.

La situazione immigrazione in Ungheria è aggravata dai tristi episodi che vedono migranti e forze dell’ordine l’uno contro l’altro: ha fatto il giro del web il video shock che mostra come i migranti siano stati trattati come animali. I migranti affamati cercano di recuperare un piccolo panino, ma gli agenti ungheresi glieli lanciano addosso.

marcia degli scalzi migranti

Miganti, la marcia degli scalzi in 60 città italiane

Mark Zuckerberg acquista casa

Mark Zuckerberg acquista casa, il nuovo gioiellino costa 22.3 milioni di dollari