in

Emmanuelle Seigner racconta i suoi 25 anni con il marito Roman Polansky

All’Ischia Global Fest anteprima italiana per il nuovo film di Roman PolanskiVenere in pelliccia”, Emmanuelle Seigner, moglie del regista, è venuta con la figlia Morgane. La francese ha confessato che grazie a questa pellicola è ritornata a lavorare di nuovo con il marito e tutto questo è stato meraviglioso come sono stati 25 anni vissuti assieme tra momenti altalenanti. La proiezione di questa anteprima è stato un successo decretato da applausi a scena aperta tanto da far commuovere la stessa interprete e la figlia.  In legame artistico ed affettivo tra la Seigner e Polanski risale al 1988 quando hanno girato assieme “Frantic”.Venere in pelliccia

Il film “Venere in pelliccia” uscirà in Italia il prossimo novembre ed è già stato presentato all’ultima Kermesse di Cannes. Ospiti nel corso dell’anteprima un parterre di star nazionali ed internazionali, tra questi: Paul Haggis, Kerry Kennedy e Michael Bolton che ha duettato con Maria Nazionale.

La Seigner ha rivelato che quello che sta vivendo attualmente è un momento meraviglioso per la sua carriera: la sua maturità interiore collima con la maturità artistica che la sta gratificando con successi teatrali e cinematografici. Ha recitato, per un anno intero, nella piecé di Harold Pinter “Le retour” al fianco di Bruno Ganz. Tutte le sere, per  8 mesi, ha recitato all’Odeon di Parigi mentre di giorno era sul set a girare “Venere in pelliccia”  e, finito il film, è andata in tournée per l’Europa.  Per rilassarsi e ritagliarsi uno spazio tutto per sé  pensa al nuovo disco che inciderà con la sua pop-rock band Ultra Orange. In conclusione confessa che il  film che ama di più, di suo marito, è “Rosemary’s baby”.

 

William e Kate

La solitudine di Kate Middleton all’interno della famiglia reale

Jennifer Lopez

Jennifer Lopez canta per i dittatori e guadagna montagne di dollari