in

Enogastronomia in Toscana: 4 itinerari alla scoperta del Chianti e del salame di Cinta senese

Parlare di una regione come la Toscana dissociandola completamente dalla sua cucina è molto difficile. L’enogastronomia in Toscana è sapore e gusto, tradizione, passione. Per scoprire tutti i suoi segreti basterà seguire i consigli che Urban Viaggi ha pensato per voi con i 4 itinerari da non perdere, da Montespertoli a Castellina in Chianti che vi accompagneranno in un viaggio indimenticabile dentro le atmosfere toscane.

– Toscana fa rima con vino e questo con Chianti. Le strade del vino sono itinerari che permettono di conoscere storia, cultura e tradizioni di un territorio strettamente legato alla produzione del suo vino. Qui, nella zona che va da Siena a Firenze, si potranno seguire itinerari interessanti come quello a Greve in Chianti, nota per il vino, per l’olio extravergine di oliva e per il formaggio caprino di agricoltura biologica. Da non perdere la sua piazza Matteotti, chiamata per secoli Mercatale perché sede storica del mercato e il Museo del vino, che racconta storia e tradizioni della sua terra.

– Se la scelta è quella di seguire la strada del vino Chianti di Montespertoli l’avventura sarà davvero unica con le sue colline dolci e il suo paesaggio fatto di ulivi e viti, senza dimenticare la bellezza dei castelli che s’incontrano durante il percorso. Non si potranno perdere le degustazioni dei vari vini tutti rigorosamente della zona dove sarà possibile assaggiare anche gli ottimi prodotti gastronomici toscani nelle osterie e nei ristoranti che non sarà difficile incontrare per strada. Da provare l’abbinamento del vino con la bruschetta all’olio d’oliva, una vera delizia per il palato.

– Per scoprire il sapore unico del salame di Cinta senese si dovrà far visita a Gaiole in Chianti, dove viene prodotto. Nella visita a questi luoghi si potrà vedere la sua preparazione con macinatura di carne magra di suini Cinta senese con grasso a cubetti, sale, pepe, vino (non può mancare), aglio e zucchero. E’ proprio vicino a questa cittadina che è stata ideata la formula con la quale ancora oggi si fa il Chianti classico. Da visitare: Chiesa di San Sigismondo, Villa Vistarenni, Castello di Ama.

– L’arte e la cultura di cui è ricca la zona chiantigiana sono custodite nei musei della zona come il Museo Archeologico del Chianti senese a Castellina. Qui si potranno scoprire i segreti della Toscana (e del suo vino) attraverso materiali e dati. Il percorso è suddiviso per periodi, esattamente come sono cambiati il territorio e i suoi prodotti, partendo dai pastori di 4000 anni fa passando per gli etruschi. Alla fine del percorso di arriverà alla torre della rocca medievale dalla quale si gode di un panorama indimenticabile sulle distese del Chianti.

Per tuffarsi in un weekend nella cultura enogastronomica toscana potrete scegliere uno degli alloggi più interessanti e rigorosamente low cost che sia più vicino possibile ai luoghi che amate.

Se questo approfondimento sull’enogastronomia in Toscana vi ha incuriosito non potete perdere i consigli di Urban Viaggi sugli agriturismi in Toscana per concedervi un weekend di totale relax.

terremoto cile magnitudo 8.3

Terremoto in Cile magnitudo 8.3, 5 morti e 15 feriti: è allarme tsunami

cridi dallari melchiorre

Uomini e Donne gossip: ecco cosa è successo tra Valentina Dallari e Andrea Melchiorre