in

Epatite A sintomi e cura: è allarme in Italia, ecco i soggetti a rischio

L’epatite A è una malattia infettiva che colpisce il fegato ed è causata da un virus. Normalmente non è mortale o pericolosa e il suo decorso avviene in modo automatico, senza l’obbligo di utilizzare farmaci specifici. Negli ultimi anni, però, in Italia è stato registrato un aumento vertiginoso dei casi. Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, a farne le spese sono, nella maggior parte dei casi, uomini che praticano sesso con altri uomini.

L’epatite A si trasmette tramite consumo di cibo o bevande da soggetti contaminati o tramite contatto diretto. Il virus rimane nelle feci per almeno 10 giorni dopo la comparsa dei sintomi. Inoltre, la diffusione del virus può essere alimentata dalla scarsa igiene e dai rapporti anali non protetti: per quest’ultimo motivo, in particolare, a farne le spese sono soprattutto uomini omosessuali. Anche se spesso è asintomatica, tra i sintomi principali troviamo: perdita di appetito, nausea, stanchezza, febbre, vomito, ittero, urina scura, prurito, feci di colore chiaro e dolori addominali.

Possono registrarsi anche forme fulminanti, soprattutto oltre i 50 anni di età che nell’80 per cento dei casi risultano fatali. Dall’epatite A è possibile guarire nel giro di 10 settimane. Tramite analisi del sangue o dei sintomi è possibile arrivare alla diagnosi. Solitamente, una dieta equilibrata, sano riposo, consumo di liquidi nelle giuste proporzioni sono i consigli più indicati, oltre all’esistenza del vaccino specifico.

[dicitura-articoli-medicina]

Test allergie costo, diventeranno a pagamento a causa dei troppi allergici immaginari

Test allergie costo: diventeranno a pagamento a causa dei troppi ‘malati’ immaginari

MIANO CADAVERE DECOMPOSTO IN CANTIERE

Rimini: valigia con resti umani affiora dalle acque del porto, è giallo