in ,

Eric Cantonà in aiuto ai profughi siriani:” la mia famiglia è scappata dalla dittatura di Franco, offrirò una casa ai rifugiati siriani”

“I miei nonni materni erano repubblicani e fuggirono dalla dittatura spagnola di Franco”. Così racconta Eric Cantonà in un’intervista rilasciata all’emittente radiofonica francese. Da quì la dichiarazione dell’ex giocatore del Manchester United :”Darò vitto e alloggio ai profughi, la mia casa è a disposizione”.

Eric Cantonà ricorda bene il passato della famiglia, e per coloro che non dimenticano, l’empatia verso chi sta vivendo un dramma simile è qualcosa di naturale. Ed è così che l’attaccante francese ha teso la mano ai profughi siriani:”Sto organizzando la cosa con le autorità di Marsiglia. Se si fornisce una casa a chi non ha il diritto di lavorate, bisogna provvedere anche alle loro necessità.”

Parole chiare e forti. Un personaggio, Cantonà, che abbandonato il mondo del calcio ha deciso di dedicarsi al cinema, con brillanti risultati. Da ricordare la sua performance nel film del controverso regista inglese Ken Loach “il mio amico Eric”, in cui le difficoltà del passato vengono affrontate grazie ad una filosofia dell’amicizia e della riconciliazione.

strage a la mecca

La Mecca strage di fedeli: almeno 310 persone morte schiacciate dalla folla

Roma news

Roma news, se Garcia lascia pronto Carlo Ancelotti