in

Eruzione Etna e terremoto: il vulcano si risveglia e l’aeroporto di Catania chiude

La Vigilia di questo Natale 2018 è stata segnata da un ospite atteso, ma non per questo meno sorprendente: l’Etna. Il vulcano è tornato a farsi sentire attraverso il Nuovo Cratere di Sud Est. Si tratta, dunque, di un’eruzione laterale, attesa dagli esperti da quando, a luglio, il vulcano era tornato in attività. L’eruzione, i cui boati sono stati ben udibili a Catania, è stata preceduta da un’intensa attività tellurica.

etna eruzione

Questa mattina, infatti, dalle ore 9.00 circa, l’Istituto di Geofisica e Vulcanologia di Catania ha registrato uno sciame sismico di centotrenta scosse, con un picco di magnitudo 4.

Alle ore 11.00 si è aperta, così, una frattura alla base del Nuovo Cratere di Sud Est, da cui è fuoriuscita una colata di lava che si è espansa in direzione della Valle del Bove. Contemporaneamente è iniziata l’attività esplosiva.

Nel comunicato, diramato oggi dall’Ingv, si legge che “L’attività sismica è stata accompagnata da un graduale incremento del degassamento dall’area craterica sommitale, inizialmente con sporadiche emissioni di cenere emesse dalla Bocca Nuova e dal Cratere di Nord-Est, che sono culminate alle ore 12.00 circa in un denso e continuo pennacchio di cenere scura”.

In seguito, si è aperta una frattura nella zona della Valle del Leone, sul versante est dell’Etna, dove ha avuto inizio la cosiddetta ‘attività stromboliana’ con esplosioni di lava incandescente.

Chiuso l’aeroporto di Catania: disagi per arrivi e partenze

etna instagram

Nel frattempo, dalle ore 14.00 è stata chiuso l’aeroporto di Catania, su decisione dell’Unità di crisi dello scalo di Fontanarossa. I voli in arrivo sono stati dirottati sugli scali di Palermo, Comiso e Malta, mentre per quel che riguarda le partenze, si è deciso di far decollare solo i veicoli già nello scalo.

A partire dalle ore 15.00, comunque, è stato riaperto almeno uno dei quattro settori dello spazio aereo catanese, per limitare i disagi in questi giorni di intensi arrivi e partenze, dovuti alle vacanze natalizie. In questo modo, dovrebbero arrivare quattro voli l’ora.

Alle 17.00 è una nuova riunione dell’Unità di crisi, volta a valutare l’evoluzione della situazione ed eventuali nuove disposizioni, ha finito col confermare quanto già deciso alle ore 15.00.

Leggi anche ->https://urbanpost.it/tsunami-indonesia-oltre-370-morti-lunicef-in-campo-per-la-tutela-dei-minori/

Eventi capodanno 2019 riviera

Capodanno 2019 in Romagna: Rimini, Riccione, Ravenna gli eventi da non perdere

Diretta Atalanta- Juventus: dove vedere in diretta streaming la Serie A