in ,

Esplosione a Il Cairo ultimi aggiornamenti: il bilancio si aggrava

Non ci sarebbero vittime italiane a Il Cairo, in Egitto, in seguito alla violenta esplosione dell’autobomba che oggi alle 6.30 ha sventrato il palazzo del consolato italiano, sito a El Galaa Street, nel cuore della città, distruggendone due facciate. Il bilancio provvisorio, stando a quanto riportato dal sito Al-Youm al-Sabea, è di 1 morto e almeno 9 persone ferite, tra cui tre bambini tra gli 11 e i 13 anni e due agenti.

La conferma è arrivata anche dalle autorità: l’esplosione “è stata causata da una bomba piazzata in una vettura parcheggiata vicino al consolato”, queste le parole di un responsabile della sicurezza egiziana all’agenzia di stampa Mena. Nessun gruppo terroristico al momento ha rivendicato l’attentato, anche se l’allerta terrorismo rimane alta e lo spauracchio dei fatti di sangue accaduti nella spiaggia tunisina di Sousse, e nella fabbrica di gas di Lione, farebbero temere il peggio.

Secondo quanto si è appreso, la Farnesina avrebbe repentinamente attivato l’unità di crisi, e il personale dell’ambasciata a Il Cairo si sarebbe subito recato nel luogo dell’esplosione per verificare la situazione. Intanto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni attraverso un tweet fa sapere che “L’Italia non si fa intimidire”.

Barcellona offerte viaggi Pasqua 2015

Startup: Voglia di emigrare? Fatelo in Spagna

le piscine più belle del mondo, le case più belle del mondo,

Le 10 case con le piscine più belle al mondo: queste foto vi faranno sognare