in

Sei ubriaco? L’auto si blocca con la nuova smart key di Honda e Hitachi

L’assunzione di alcool è un fattore di rischio strettamente legato all’aumento degli incidenti stradali tra i giovanissimi. Un conducente ubriaco è molto spesso una mina vagante fuori controllo, molto pericolosa per i passeggeri ma anche per i pedoni e gli altri utenti della strada. È da questi presupposti che nasce l’idea da Honda e Hitachi. Le due case automobilistiche giapponesi hanno infatti messo a punto un dispositivo in grado di garantire il blocco del motore in fase di accensione.

->SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA UFFICIALE FACEBOOK: URBAN TECH

La novità introdotta sarà visibile a partire dal 12 aprile 2016, durante il SAE World Congress di Detroit, negli Stati Uniti. La presentazione sarà seguita poi da una fase di test e, successivamente, da una fase di commercializzazione su scala globale.

Il gadget in questione sarà in grado di ‘leggere’ il respiro umano (fino a 0,015 mg/L) e riconoscere, senza margine d’errore, se un individuo è ubriaco oppure in grado di guidare. Il salvavita in questione avrà le dimensioni di una smart key e sarà acquistabile insieme ai veicoli di nuova generazione.

Negli Stati Uniti e in Giappone sono già disponibili alcuni dispositivi simili, chiamati alcohol interlock; vengono comunemente installati nell’abitacolo e permettono al guidatore di effettuare l’alcool test prima di mettere in moto il veicolo.
Con il nuovo brevetto di Honda e Hitachi sarà invece possibile provare l’alito prima di entrare in macchina. All’avvicinarsi alla vettura, un allarme montato sul cruscotto, segnalerà se il guidatore è sobrio oppure ubriaco.

Photo Credit: Shutterstock.com

zenzero, zenzero proprietà, zenzero benefici, cibi afrodisiaci, zenzero proprietà afrodisiache, zenzero proprietà e benefici, cibi afrodisiaci per uomini, cibi afrodisiaci per donne, cibi afrodisiaci ricette,

Zenzero proprietà e benefici: ecco perché è un cibo afrodisiaco

WhatsApp attentati a Parigi

WhatsApp news, le versioni datate non supportano più i messaggi crittografati