in ,

Etna minaccia Catania: il vulcano torna in eruzione dopo mesi d’inattività

Dopo diversi mesi di “silenzio” da parte dell’Etna, ecco che lo stesso ricomincia a dare segnali “di vita”. Si sono registrate, a cavallo fra le giornate del 25 e 26, scosse che, anche se di lieve entità, sono state avvertite dai catanesi e dagli abitanti nei pressi del relativo capoluogo.

Colate dal vulcano

Dopo questi primi segnali si era fatta strada l’ipotesi di un possibile risveglio  delle attività vulcaniche: infatti, più tardi dopo le scosse, non sono mancati boati e esplosioni con relative colate di lava dalla sommità del vulcano. Le conseguenze sono state maggiori soprattutto per quanto riguarda la consistente limitazione del traffico aereo e disagi per i passeggeri dei voli interessati in linea d’aria lungo il capoluogo etneo.

Una nuova nube è stata visibile sia da Taormina che  dal Siracusano. Più precisamente le attività vulcaniche maggiori si sono verificate, oltre che dal cratere centrale emittente anche gas, anche dal lato sud – est  dell’Etna dove si è creato un nuovo cratere, fulcro dell’ultima eruzione di queste ore.

photo credit: Ondablv via photopin cc

photo credit: paul bica via photopin cc

Seguici sul nostro canale Telegram

Clemente Russo Expo Milano Rio 2016

Boxe, Almaty 2013: Russo non perdona, l’oro è dell’Italia

Renzi - Epifani alla Leopolda

Matteo Renzi, Leopolda: “Pd, basta con la voglia di proporzionale”