in ,

Euro 2016, rischio porte chiuse causa allarme terrorismo

Organizzare un evento sportivo non è più la stessa cosa da quella maledetta sera del 13 novembre. Abbiamo ancora tutti nelle orecchie il boato udito dallo Stade de France, dove si stava giocando l’amichevole Francia – Germania, e gli attentati terroristici di cui si è venuti a conoscenza al termine del match. Un colpo al cuore per la Francia e, di conseguenza per l’Uefa, che proprio in Francia dovrà organizzare Euro 2016.

=> TUTTO LE ULTIME NEWS SU EURO 2016

Ma quale potrebbe essere la più grande sconfitta per il calcio e la più grande vittoria per i terroristi? Vedere giocarsi Euro 2016 con gli stadi chiusi, senza quei tifosi che rappresentano l’essenza più profonda di una manifestazione calcistica. Fonti interne al massimo ente calcistico europeo affermano che c’è il serio rischio che Euro 2016 si possa giocare a porte chiuse. Inoltre, come riportato dall’Associated Press, potrebbe verificarsi la possibilità di spostare partite in sedi e date diverse da quelle prestabilite.

I piani di sicurezza, assicurano dall’Uefa, sono già stati preparati all’indomani degli attacchi a Parigi che causarono 130 morti. “Non abbiamo ricevuto manifestazioni specifiche, ma vogliamo che Euro 2016 (in programma dal 10 giugno al 10 luglio n.d.r) si possa svolgere nelle migliori condizioni possibili.”

freddy sorgato ricrso in appello

Isabella Noventa, parlano i familiari di Emanuela Cacco: “Freddy la copriva di regali”

anna moroni

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: treccia farcita con la crema