in

Ultimi sondaggi elettorali: crollano Pd e M5s, cresce Italia Viva

“Cattive notizie” per il Movimento Cinque Stelle e il Partito Democratico: secondo la rilevazione effettuata da Euromedia Research per Porta a Porta i due partiti di maggioranza che costituiscono il Conte Bis non riescono ad andare oltre il 19%. Continua a volare alta la Lega che supera abbondantemente il 31%. Non mancano delle piacevoli sorprese per il neonato partito di Renzi, che registra un buon dato.

Euromedia Research 20 ottobre 2019, sondaggi: crollano Pd e M5s, cresce Italia Viva

M5s e Pd hanno poco da stare allegri: ambedue non hanno avuto ampi consensi popolari e arrancando si arrestano entrambi al di sotto del 19%. Secondo Euromedia Research, che ha condotto un’indagine per Porta a Porta, Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico si fermano, rispettivamente al 18,5% e al 18,3%. Inarrestabile la Lega, che raggiunge il 31,8%. Può dormire sonni tranquilli anche Giorgia Meloni: Fratelli d’Italia è all’8%. Leggermente indietro Forza Italia, che si assesta al 7%. Tra i partiti di governo l’unico a potersi rallegrare è Italia Viva, che guadagna la fiducia di qualche lettore in più: il partito di Matteo Renzi ottiene il 5,5% nella settimana della kermesse Leopolda 10. Tra gli altri dati rilevati da Euromedia Research: nel centrosinistra troviamo Mdp allo 0,7%, Sinistra italiana all’1,4%, +Europa al 2%, Europa Verde all’1,4%, parimenti Siamo europei. Al centrodestra, invece, scende notevolmente Cambiamo di Giovanni Toti, che riceve solo l’0,2%. Per quanto concerne le coalizioni, quella dell’attuale governo guidato dal Premier Giuseppe Conte si attesta al 44,4%, mentre le opposizioni di centrodestra vanno oltre e arrivano al 47%.

Intervistati favorevoli al carcere per gli evasori

Altri quesiti sono stati rivolti agli italiani nello stesso sondaggio. Ai cittadini è stato chiesto di esprimere la propria preferenza su alcuni provvedimenti e misure inseriti nella Legge di Bilancio: dalla soglia del contante, che è scesa a duemila euro e arriverà a mille nel 2012, al carcere per gli evasori, dalla plastic tax al taglio del cuneo fiscale. Per quanto riguarda la soglia del contante si sono detti favorevoli il 45,1% degli intervistati, contrari il 50,1%. Più netta la posizione sul carcere per gli evasori: giudizio positivo per ben il 74,3% del campione, negativo solo per il 22,2%. Sull’introduzione degli imballaggi di plastica: favorevole il 55,7% degli italiani, contrario il 41,1%. A proposito del taglio del cuneo fiscale contenuto nella Manovra 2020, che prevede circa 40 euro in più nella busta paga per alcuni tipi di lavoratori, solo l’11,9% degli intervistati ritiene sia sufficiente, il 52,1% degli italiani ritiene sia una cifra irrisoria, il 30,9% la considera un passo avanti.

leggi anche l’articolo —> Supermedia Youtrend 17 ottobre 2019: percentuali dei partiti

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

caso yara cadavere foto satellitare

Caso Yara, Alessandro Meluzzi difende Massimo Bossetti: «Commesso danno irreparabile»

Meteo prossimi giorni, maltempo e freddo in arrivo: le previsioni