in

Eurovision Song Contest 2014, Emma è pronta per la sfida ma non convince i bookmaker

E’ partita ieri sera l’edizione 2014 dell’European Song Contest, la manifestazione canora tra le più importanti d’Europa che quest’anno, per la prima volta dopo anni, viene trasmessa in diretta dalla Rai. E con orgoglio l’Italia sarà rappresentata in finale da Emma Marrone con la canzone La mia città, che la cantante salentina proporrà interamente in italiano. Anche questa volta le aspettative di vittoria sono molte, anche se per i bookmaker inglesi c’è ben poco da sperare ed Emma potrebbe accontentarsi di posizioni in classifica ben poco gratificanti.

emma marrone

Gli armeni sembrano essere i favoriti di questa edizione del Festival, che portano a casa una quotazione di 2.50 prevista dai bookmaker inglesi, seguiti dalla Svezia e dalla Danimarca. Male per Emma Marrone data a 40.00, che secondo le stime potrebbe classificarsi agli ultimi posti avanti solo a Macedonia, Georgia e San Marino che sarebbero quotate a 250.00. Per gli scommettitori potrebbero essere un lontano ricordo il secondo posto di Gualazzi o il settimo di Marco Mengoni, anche se la cantante salentina fa spallucce e non demorde: “Ci tengo a far  bella figura davanti a tutta l’Europa“, ha dichiarato Emma durante la conferenza stampa di ieri, anche se non nega la tensione che sta provando in queste ultime ore prima della gara.

Nonostante i pronostici Emma volerà dritta alla finale di sabato 10 maggio, e c’è molta attesa per la performance che accompagnerà il brano: “mi rappresenta in tutto e per tutto, sul palco sto portando quello che Emma fa naturlamente tutte le volte che è in concerto, e chi mi ha vista dal vivo lo può assolutamente confermare“, ha confermato la cantante nell’intervista che ha seguito la conferenza stampa: “in soli tre minuti ho cercato di concentrare quello che di solito faccio in due ore di concerto“.

Ultime Notizie calcio

Mercato, Juventus: quale futuro per Antonio Conte?

Mercato, Milan: via Seedorf? Ecco i candidati alla successione dell’olandese