in ,

Eutanasia, Umberto Veronesi: “In Italia molti medici la praticano, incivile sia vietata”

Umberto Veronesi sempre in prima linea sui temi più sensibili che interessano la salute, l’etica e il nostro ordinamento giuridico. A proposito dello spinoso tema dell’eutanasia ha spiegato che in Italia  molti medici la praticano, per permettere ai malati terminali di morire dolcemente, risparmiandogli i dolori violentissimi provocati dalla malattia, rischiando, in base alle leggi italiane di essere incriminati per omicidio.

Oggi la magistratura tenta di correggere ciò che il legislatore ha malamente costruito, ma non sempre ci riesce”, questa l’opinione del grande oncologo italiano, che aggiunge: “Se il medico la fa può essere accusato di omicidio. Ma molti la fanno, è un movimento che lavora in maniera clandestina”. Da Veronesi giunge una richiesta forte di provvedere quanto prima sul piano legislativo: “tutti parlano di una soluzione ma al povero Mario Monicelli, che aveva chiesto ripetutamente in ospedale una puntura letale per un trapasso dolce, è stata negata e si è buttato dalla finestra: questa è civiltà?”.

Il modello a cui Veronesi si ispirerebbe è quello olandese, dove la legge è molto severa, ma non superficiale. Il fine secondo il medico milanese dovrebbe essere quello di permettere ad ogni individuo di autodeterminarsi.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Amici 14 anticipazioni 11 Aprile

Amici 14: la rabbia degli esclusi e le prime maglie rosse

prima casa non pignorabile

Prima casa non pignorabile