in ,

Eva Braun aveva origini ebree: analizzato il Dna della moglie di Adolf Hitler

Dall’analisi dei capelli in una spazzola ritrovata a Berghof, la residenza bavarese del fuhrer, è emerso un clamoroso risultato: Eva Braun, la moglie di Adolf Hitler, aveva origini ebree. Il ritrovamento, avvenuto proprio dove la donna trascorse gran parte della Seconda Guerra mondiale, ha permesso ad un gruppo di ricercatori di identificare una sequenza specifica di Dna “fortemente associata” agli ebrei aschenaziti, discendenti delle comunità ebraiche medievali della Valle del Reno che rappresentano circa l’80% della popolazione ebraica.Eva Braun e Adolf Hitler

Il documentario che rivelerà la clamorosa scoperta sarà trasmesso mercoledì prossimo 9 aprile su Channel 4, durante la trasmissione televisiva “The dead famous dna” condotta da Mark Evans, che ha così commentato la notizia: “E’ una scoperta ricca di implicazioni. Non avrei mai creduto di ritrovarmi davanti a un risultato così straordinario”.

Durante la trasmissione saranno approfondite numerose tematiche, si cercherà di valutare l’attendibilità dei risultati di queste analisi, e si porrà l’attenzione su un punto essenziale: affinché il dato sia confermato al 100%, bisognerebbe confrontare il Dna della Braun con quello di due sue discendenti ancora vive le quali, fino ad ora, hanno sempre rifiutato di sottoporsi al test.

Clean Bandit

Quelli che il calcio, anticipazioni: ospite musicale il gruppo britannico Clean Bandit

Ricardo Kakà Real Madrid

I cinque bidoni di calciomercato (Video)