in ,

Expo Milano 2015 code impossibili: turista chiede risarcimento danni

L’esposizione universale è giunta al termine: il 31 ottobre, i padiglioni rappresentanti tutto il mondo chiuderanno i battenti. Ecco, quindi, che è iniziata la corsa ad Expo. Ai gate si registrano risultati record, in termini di numero di visitatori ma, soprattutto, per quanto riguarda le tempistiche: visto il flusso di gente, infatti, le code per entrare ai vari padiglioni di Expo Milano 2015 sono impossibili, tanto che un turista ha chiesto il risarcimento danni.

Chi ha acquistato un biglietto per Expo Milano 2015 e si è recato ai padiglioni, senza poterli visitare, considerando le innumerevoli ore di fila, è passato all’azione: è il caso di un turista romano che ha presentato la prima causa risarcitoria per danni morali dovuti alle lunghe attese. Lo ha annunciato da poco il Codacons che riferisce di aver deciso di “assistere in giudizio un cittadino romano che, dopo aver acquistato un regolare biglietto di ingresso ed essersi recato nei giorni scorsi a Expo, ha dovuto rinunciare alla visita interna dei padiglioni a causa delle file smisurate e insostenibili”.

Si tratta della prima causa ad Expo Milano 2015, che verrà presentata settimana prossima al giudice di pace di Roma, essendo questa la città da dove proviene il visitatore che ha deciso di agire. Il Codacons, dunque, è dalla parte di chi, come lui, non ha avuto modo di visitare Expo, nonostante avesse acquistato il biglietto regolarmente.

cameo torta pistacchio e cioccolato ritirata

Cameo, torta Pistacchio e Cioccolato ritirata: trovate tracce di arachidi

Capodanno 2016 crociere: le migliori offerte dai Caraibi al Mediterraneo

Capodanno 2016 crociere: le migliori offerte dai Caraibi al Mediterraneo